PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Di te e del tempo che fugge

I suoi occhi, una volta,
si muovevano agili,
e il suo sguardo coglieva i particolari,
fresca e fine la mente calcolava convenienze,
afferrava concetti, raccontava fatti e verità.
Oggi ho visto i suoi occhi, immobili,
il suo sguardo privo di luce, gelido,
depurato dall'emozione che mi fissava
con estranea curiosità.
Una volta i suoi occhi vivevano per i miei,
le sue parole cercavano la mia Anima
per ornarla di senso e di dolcezza,
ora invece il mondo mi sembra malato
come il suo sguardo e le sue parole farfugliate,
i silenzi pesanti d'una mente che incessantemente cerca
rovistando dentro i cassetti vuoti dei ricordi.
Così il destino ha voluto che ti vedessi
e di tutto ciò ne soffrissi grandemente.
A mia madre.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

12 commenti:

  • Giacomo Scimonelli il 16/12/2011 11:50
    malinconia avvolta in tanta dolcezza
  • Fabio Mancini il 15/12/2011 21:10
    Un commosso e sincero grazie a tutti! Un saluto gentile, Fabio.
  • loretta margherita citarei il 15/12/2011 17:10
    tocca il cuore, complimenti, 1 abbraccio, caro amico
  • Dolce Sorriso il 15/12/2011 15:40
    questo è il vero amore, bella e intensa poesia.
    Bravo Fabio!!!!
  • anna rita pincopallo il 15/12/2011 13:00
    dedica che arriva dritta al cuore struggente e traboccante d'amore
    molto bella bravissimo
  • Vilma il 15/12/2011 11:35
    Una poesia che non può lasciare indifferenti, coinvolta ed emozionata da questi versi. Complimenti
  • Vincenzo Capitanucci il 15/12/2011 11:24
    Bellissima Fabio... mi tocca moltissimo... ho vissuto questo anche io con mia Madre... e l'hai espresso in modo meraviglioso...
  • Ada Piras il 15/12/2011 10:55
    Molto bella e toccante.. Bravo!
  • Anna Rossi il 15/12/2011 09:28
    siamo in due a soffrire per lo stesso motivo. conosco questa sensazione che tu hai saputo rappresentare con crudele dolcezza e disarmante semplicità. mi hai lasciato.. emozione e tristezza. ma è la vita che riesce ad essere così maledettamente ingrata. ricordiamoci solo gli occhi di una volta, le carezze, i sorrisi. e noi bimbi sereni. ciao Fabio...
  • Anonimo il 15/12/2011 09:16
    semplicemente toccate e meravigliosa... amara constatazione... ma la mamma è sempre bella è sempre la mamma...
    ti abbracci acaro amico un bacio gentile carla
  • Ferdinando Gallasso il 15/12/2011 08:56
    Profonda e toccante. Non è affatto facile riusire a scrivere poesie così. Complimenti a te
  • gina il 15/12/2011 08:40
    Dolci versi malinconici, l'amore ti permetterà di superare questa prova nel modo giusto, " Mostrai d'essere un vero figlio a mio padre, tenero e unico davanti a mia madre" Prov. 4:3

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0