PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Sorrisi di vetro

Sorrisi di vetro sul mio viso,
mentre percorro l'asfalto della vita.
Una corsa ad ostacoli
senza podio e senza medaglia.

La luce del sole negli occhi,
qualche relitto di troppo nel cuore.
Sogni impastati al cemento
non riescono più a distinguere
gli uni dagli altri.
Nelle mani un tassello di vita
che non riesco a collocare.
Non lo voglio barattare
malgrado il dolore.

E sono ancora domande
senza risposte... senza speranze.

Guardo all'orizzonte
un punto dove fermarmi,
una porta da oltrepassare
per dimenticare.

Aleggiano nella mente ricordi
di quando danzavo scalza
un po' zingara... eternamente bambina
sotto le ciglia vestite di rimmel
le labbra colorate di rosso
e tanti sogni nella tasca.

 

7
7 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Raffaele Arena il 25/12/2011 21:23
    C? e' un grande senso di nostalgia di quello che erano i sogni e che forse qualcuno di troppo è rimasto in tasca. Ben scritta e molto interessante.. e a chi non sono rimasti sogni in tasca?
  • Alessia Torres il 15/12/2011 16:55
    Una grande espressività nei tuoi versi, attraverso incisive metafore molto ben stilate!
    Una viva ricerca di quei sogni che sfuggono ancora alla nostra presa e ci lasciamo smarriti con i tanti perchè non risolti...
    Molto bella anche questa, Vilma!
  • senzamaninbicicletta il 15/12/2011 13:55
    Versi che esprimono una peculiarità costante dell'autrice che ne fa un cavalo di battaglia nello scrivere bellissime poesie. Una insoddisfazione triste che non le permette di giungere "all'orizzonte
    un punto dove fermarmi, una porta da oltrepassare per dimenticare" non trova o forse non vuol trovare il posto a quel tassello che forse non appartiene a quel puzzle e sarebbe meglio buttare trai rifiuti. E quei ricordi così distanti di zingara andrebbero spolverati e rivissuti. Poesia di alto livello.

7 commenti:

  • mauri huis il 17/04/2012 16:47
    Momento di stanchezza ed insoddisfazione poeticamente reso dal fermarsi ai ricordi di gioventù. Ben scritta, come al solito. Ciao Vilma!
  • Rossana Russo il 02/01/2012 10:51
    Meravigliosa *_* pura poesia.. non so dire altro.. mi sto innamorando delle tue parole.. ogni poesia, è uan nuova scoperta.. i miei complimenti
  • Giacomo Scimonelli il 16/12/2011 16:08
    versi che vivono.. che sorridono al lettore.. piaciuta
  • Stanislao Mounlisky il 15/12/2011 21:20
    molto piaciuta, versi sinceri di grande risonanza
  • loretta margherita citarei il 15/12/2011 17:36
    molto bella condivisa brava
  • Gianni Spadavecchia il 15/12/2011 15:05
    I sogni in tasca rimangono.. Mi farebbe piacere che leggesse la mia poesia : con in tasca il mio mondo. Comunque forse questo percorso senza premi e medaglie non è altro che una prova di forza dove poi cara Vilma, vincerà la felicità.
  • karen tognini il 15/12/2011 14:42
    Molto molto bella Vilma.. ma i sogni vanno cuciti nel cuore...
    brava è bellissima...
    la vita riserva sempre sorprese mai perdere la speranza!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0