accedi   |   crea nuovo account

Occhi

Occhi nascosti al dolore del mondo,
occhi con dentro il dolore del mondo,
occhi che potreste inondare di lacrime
la strada che percorrete,
e invece indicate il cammino a chi
si è perso lungo i sentieri sterrati della mente.

Voi, occhi colore del cielo in primavera
e del mare calmo dell'estate,
voi che scavate nel mio cuore
gallerie sotterranee di pace e di amore,
voi che infondete la grazia
in tutto ciò che osservate,
date sollievo alla mia ansia di bellezza
e donate letizia al mio sguardo innamorato.

Ho rincorso il vostro colore in secoli
di ingiurie e devastazioni
per trovare un senso alla mia inquietudine;
ho abbandonato case e amori
per sfidare le onde tempestose,
ho scalato le cime delle montagne
per trovare fiori colorati,
ma adesso so che nessun fiore
può essere a voi paragonato,
e che la luce delle stelle
è solo un puntino luminoso
al cospetto della vostra immensa luce.

Amatemi, amate la mia forza di essere umano
e la mia debolezza di uomo,
amate lo stupore del mio volto nel rimirarvi
e il sorriso di gioia che voi suscitate,
amate le mie lacrime calde
versate per le amare rinunce
e la mia felicità nel leggere la vostra felicità.

 

4
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 24/04/2012 17:21
    ... notevole
    per densità di significati
    e capacità
    versificatoria,
    complimenti.

2 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0