PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Don camillo e peppone

Come scorre
candida e discreta
questa favola d'argento
che Dio volle chiamare Po;
limpido è il volto
di una pianura che sa ridere
perchè ha imparato
contadina e laboriosa
il senso nascosto del gemere;
Brescello,
tela di case incastonate
tra i morsi di una dignitosa povertà
e le vere, indelebili ricchezze
custodite dai cuori e dal campanile;
la croce della preghiera
e la falce e il martello
la mano latente del cielo che conforta
e quella manifesta delle terra
dove germogliano frutti prelibati
che cantano al nostro sudore
la gioia di essere uomini;
passi ormai scomposti
di vecchie maestre di paese
diventano roccia di saggezza
per due sposi incerti
il vecchio fiume assiste e sorride
con la sicurezza d'un fratello maggiore
alle corse in bicicletta
lungo le sponde;
Signore, odo la vostra voce
che comanda soave alla pelle dei campi
di concedersi alle vanghe e ai trattori;
canti di chierichetti
tendono le loro braccia angeliche
al fiato robusto delle trombe
che cesellano le note dell'Internazionale;
litigare,
è solo un pretesto
per riabbracciarsi di nuovo
con un amore sempre più forte
nella culla estasiata
di questa ribollente pianura padana
che nutre le proprie vene fiere
dello spumeggiare inafferrabile del lambrusco
e della seduzione aromatica dei tortellini.
Noi più non ci saremo
ma sentirete le nostre vigne suonare
i nostri poderi intonare
il profumo di magie
che come scoiattoli orgogliosi
si beffano delle tagliole del tempo,
vedrete riflessi
nell'incanto del padus
che fu romano
e si risvegliò emiliano
le bacchettate dolci
della signora Cristina
e i rintocchi poderosi
del sacrestano Matuggia,
che bello esserci stati invenzione
ma in fondo storia così pura e sincera.

 

3
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • cristiano comelli il 17/12/2011 19:24
    Dimenticavo una sottolineatura che ritengo indispensabile. Questi versi vogliono essere una carezza a Giovannino Guareschi, scrittore che è motivo di vanto per il nostro paese e troppo spesso è poco celebrato. A lui il ringraziamento per avere reso realtà due figure, don Camillo e Peppone, che tutti abbiamo amato e amiamo. COrdialità.
  • Vincenzo Capitanucci il 17/12/2011 15:00
    Dove le campane suonano diventando un internazionale rintocco in disputa d'Amore...

    Bellissima Cristiano... un grande libro... due attori meravigliosi Cervi-Fernandel...

    ... litigare,
    è solo un pretesto
    per riabbracciarsi di nuovo
    con un amore sempre più forte...
  • Ada Piras il 16/12/2011 22:12
    Bellissima con i loro film si riviveva la civiltà contadina.. la magia dei luoghi.. avrei voluto tanto percorrelo quel fiume con la mia
    bicicletta... Bravissimo... coplimemti.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0