username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Perchè?

Perché? Non so risponderti,
mamma.
Son passati vent'anni
o quasi
e ancora riecheggia
nella mia mente
la tua parola d'aiuto,
il tuo grido di immane sofferenza.
E alla tua flebile voce che mi chiedeva:
Perché? Perché proprio a me?
Ancora oggi non so rispondere...
E con le lacrime nel cuore
di figlio affettuoso
ogni giorno mi affido
all'Amore di Dio per capirlo.

 

2
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • gianni castagneri il 26/03/2014 18:13
  • laura il 04/07/2012 15:10
    Complimenti, amore immenso emerge da questa poesia. Mi ha fatto tremare l'anima. Si sente tutto il tuo dolore. Ciao
  • Anonimo il 27/06/2012 22:23
    Una poesia davvero bella e che mi fa rivivere quello che ho vissuto anche io con mia madre, nonostante la diversa visione su Dio. Complimenti sinceri.
  • Gianni Spadavecchia il 30/12/2011 15:04
    MOLTO profonda, complimenti.
  • Stanislao Mounlisky il 17/12/2011 11:25
    è più facile manifestare incredulità di fronte ai propri dolori che accompagnare impotenti quelli di chi amiamo... e quando non c'è una risposta resta solo la speranza che Dio stabilisca un limite...
    Mi sono riconosciuto nei tuoi versi
  • Vincenzo Capitanucci il 17/12/2011 08:08
    Mi tocca il cuore la Tua Poesia Elio... bellissima e struggente...

    ... E alla Tua flebile voce che mi chiedeva:
    Perché? Perché proprio a me?
    Ancora oggi non so rispondere...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0