PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Sentore ineluttabile

Venire dalla solita estate,
attraversare l'autunno,
per giorni d'inerzia
assetati di un senso
eclissato in risposte
con la mente cercate;
ma diversi sentieri
suggerisce qualcosa
ch'è natura dell'io,
nelle vene s'avanza
un sentore ineluttabile:
attendere ora vigili
quell'attimo in cui,
sfociando nel cuore,
lo riempirà di felicità,
perché lieto è sentire
il dono della verità.

 

4
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • senzamaninbicicletta il 17/12/2011 12:24
    scrivere poesia è ricerca, sentire dentro il soffio che ti suggerisce il verso e coglierlo nell'attimo in cui matura il pensiero. Tramutarlo in immagini cronologiche legate alle stagioni dandogliene i connotati della propria anima e chiudere con l'assioma della verità è un tocco da maestro. Complimenti

3 commenti:

  • Giacomo Scimonelli il 20/12/2011 22:58
    versi poetici ben stilati e scorrevoli..
  • karen tognini il 17/12/2011 12:18
    Molto molto bella... scritta con grande maestria poetica...
    complimenti Maurizio

    perché lieto è sentire
    il dono della verità.
  • mariateresa morry il 17/12/2011 12:01
    Ecco il tipo di poetica che apprezzo molto... essenziale, non enfatizzante, intima.. scritta molto bene... cortese, insomma

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0