PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Sjalousi

nel giardino arido di stoppie
vani tentativi floreali seccano
papaveri sfogliano al vento
e girasoli color della polvere
son curvi col viso nella terra

rossi e maturi frutti di delirio
sul grande albero dell'ira
stanno a goder - pare irreale -
dell'aria greve carica di odio

nel giardino nebbia plumbea

immobile con le spalle all'albero
sotto falde di un nero cilindro
due occhi corvini spalancati
in un viso inebetito e pesto

il collo immerso nelle spalle
e il bavero del cappotto scuro
nasconde imbarazzo e pazzia
nelle gote scarlatte di furore
che cresce nell'impotenza
di voltarsi e vedere...

VEDERE!

sotto la medesima pianta
oltre il fusto e i frutti a terra
due figure strette e avvinte
nel cinico abbraccio
di un crudele inganno

 

l'autore senzamaninbicicletta ha riportato queste note sull'opera

scritta dopo aver visitato il munch museet a oslo è una dedica ad un'opera del pittore espressionista particolarmente forte dal titolo gelosia (sjalousi 1885 olio su tela)


2
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0