PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Al mercato dell'usato

Non si è immuni dal dolore
dacché cambia sempre forma e colore
e talora basta un minimo sentore,
per esempio un odore, a ribaltare l'umore.

Malfusso, tu ne sei l'untore:
venefiche polveri ha sparso sul mio cuore,
allorché lo comprasti con la promessa d'un amore
al mercato dell'usato, nel giorno del Signore.

Né dovesti molto contrattare,
né promisi terra e mare;
e prima che sapessi le note amare
le nostre palme divennero l'un per l'altro care.

Un seme del pianto: questo il tuo dono
non so bene se sia stato dolo...
Come una barca che non attracca al molo
il mio cuore affronta le tempeste da solo.

 

3
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Enola Gay il 18/12/2011 21:10
    Grazie. Sì, il nickname non è casuale... il cognome me lo diede mio padre, io mi scelsi il nome Buone feste.
  • loretta margherita citarei il 18/12/2011 20:48
    ben rimata, curioso il surname, enola gay era il nome dell'aereo che sganciòla prima bomba atomica, hiroscima, buon natale

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0