accedi   |   crea nuovo account

Anime inquiete

Noi siamo le ombre
che danzano col buio
confinati ai margini della luce
Noi siamo le voci che abitano
gli scheletri di immensi vuoti
rinchiusi da grigie pareti
Noi siamo come il nulla,
il niente che esiste
e che urla in uno spazio reso vuoto
Noi siamo gocce d'acqua
che cadono scisse da un filo sottile
di logica ormai inesistente
Noi siamo polvere che s'innalza
pui in alto del cosmo stellato
Noi siamo un'eco che urla
la propria voce fino
ad infrangere il muro dell'ipocrisia
e distruggere quella luce
che ci rende ombre.

DEDICATA A TUTTE LE ANIME INQUIETE E "maledette"COME ME.

 

4
5 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • patrizia chini il 21/12/2011 00:40
    Toni e immagini forti... versi intensi dalla
    grande capacità evocativa. Tutta la prima parte sembra provenire da un mondo che ha chiuso i giochi con la vita, la sua voce urla ma non può essere ascoltata... nel vuoto non si propaga. Un mondo di ombre, scheletri, il niente... Poi si rivela la vera anima del poeta... come granelli leggeri, anche se non conti niente puoi volare in alto, e la voce, anche solo come eco, può tuonare e abbattere ogni ostacolo che impedisca di avanzare C'è una luce falsa nel mondo che ci rende ombre,è l'apparenza, l'effimero che regna nel teatro della vita... il poeta lo sa e questa è la vera forza
  • cristiano comelli il 19/12/2011 17:47
    Se le anime inquiete producono versi di questo spessore, sia lode all'inquietudine. Cordialità.
  • Ada Piras il 19/12/2011 11:28
    Inquieta... su dannata non mi pronuncio comunque ben rappresentata... complimenti.

5 commenti:

  • Ettore Vita il 19/12/2011 23:00
    Gli uomini a volte hanno una convinzione errate di se stessi, si credono potenti, capaci di stravolgere il pianeta, di... sconfiggere persino la morte ed invece siamo una goccia scissa... un granello, un soffio...
    Siamo piccoli e dobbiamo essere umili, ma possiamo sorridere, dare una carezza, scrivere una poesia (come la tua, perpetuare la vita (per questo siamo quasi immortali)...
    Amico/ca puoi essere inquieto/a ma non dannato/a. Auguri
  • Anonimo il 19/12/2011 16:55
    Mi rispecchio completamente in questa tua poesia, poichè anch'io sono un'anima inquieta che però spera di non dannarsi. ciao
  • Giacomo Scimonelli il 19/12/2011 12:04
    ''... Noi siamo come il nulla,
    il niente che esiste
    e che urla in uno spazio reso vuoto
    Noi siamo gocce d'acqua
    che cadono scisse da un filo sottile
    di logica ormai inesistente...''

    versi che condivido...
  • Anonimo il 19/12/2011 11:26
    Bella la poesia, sei bravo... in quanto al contenuto marciamo male anche se è una cruda realtà bisogna vedere il bicchiere mezzo pieno non per vivere ma almeno per sopravvivere e non farsi sopraffare dagli eventi negativi che affollano più che la nostra vita, la nostra mente. Passerà...
  • Stanislao Mounlisky il 19/12/2011 08:47
    auguri a carrettate ne hai bisogno... come tutti di questi tempacci.
    scrivi bene, i tuoi versi sembrano tragedie greche per patos

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0