accedi   |   crea nuovo account

Te gò credesto

Te gò credesto,
vardàndote ne 'i oci
che ti gàvevi beli, ciari,
de un azuro fin.

Ti me spetavi in campo
Puzà sul posso
Un gato te vardàva
Da drìo a un camìn.

Ne i momenti più beli
Venessia xè discreta
I morosi i ride
E i se struca un fiantìn.

Sta cità xè piena de morosi
Che camina streti
Tegnìndose par man
basàndose in ponta a un scalìn.

L'amor qua xè de casa
Ch'el silensio e l'aqua
Fa lizièro el cuor.

 

7
8 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Antonio Garganese il 02/08/2012 10:48
    La dolcezza di un incontro che ha come teatro Venezia, un posto nel quale camminare a piedi diventa un piacevole ed insostituibile obbligo.
  • senzamaninbicicletta il 19/12/2011 11:50
    è una poesia che carezza dolcemente lo spirito e la fantasia. i versi molto romantici ricamano una cartolina d'un pittoresco unico e a tratti di sublime astrattismo. Una poetessa e scrittrice che delizia sempre con testi gradevolissimi in qualsivoglia ambito letterario, ma il dialetto veneziano è una freccia in più al suo arco. Complimenti

8 commenti:

  • Anonimo il 26/12/2011 21:34
    Bellissimi versi, i suoni delle parole sono musica.
  • Anonimo il 23/12/2011 13:29
    Stupenda... sei bravissima. Altro dirti non vò... ciaociao
  • Nicola Lo Conte il 22/12/2011 16:01
    Bella, e bello amarsi a Venezia!
  • loretta margherita citarei il 19/12/2011 22:00
    gradevole poesia, piaciutissima buon natale
  • mariateresa morry il 19/12/2011 14:59
    Vi rigrazio. Il mio dialetto ha una musicalità straordinaria se lo si sa usare, molto adatto alle cose leggere e sentimentali, senza essere lezioso, come anche a quelle ironiche e comiche, senza essere sguaiato... vorrà dire che vi colpirò ancora cone queste " frecce" se vi sono gradite!!
  • Anonimo il 19/12/2011 11:59
    musicale dolcissima credo di aver capito... il ricordo di un amore dagli occhi belli echiari e mentre mi apsettavi un gatto da dietro un camino... te vardàva... Venezia è piena de morosi che si danno la mano che si scambiano baci e con loro è discreta...è abituata l'amor è di casa... Ch'el silensio e l'aqua
    fa lizièro el cuor.
    bello questo dialetto che sembra musica... un basin carla
    tra i preferiti
  • Ada Piras il 19/12/2011 11:36
    Romantica città e poesia... L'amore è di casa li... ci credo. Bravissima Mariateresa
  • roberto caterina il 19/12/2011 11:35
    Questa poesia è davvero stupenda... Tra le mie preferite.. Verissimo che Venezia è discreta, fuori dal circuito san marco-rialto... il silenzio e l'acqua fanno leggero il cuore, sì anche se Ofelia ci mostra il lato a volte tragico di quella equazione...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0