accedi   |   crea nuovo account

L'infinito di Luciano Pavarotti

Mi cullai tra scalpitanti viaggi
con i colori
transeunti ma così eterni
di mille diversi personaggi;
ora lo so
c'era una tacita, estasiante intesa
tra le labbra di un palco implorante
e la mia voce
riuscire a camminare insieme
verso la radice di cristallo del tempo
per scardinare i suoi orologi
e fermarlo
con la forza infuocata delle arie
e il comporsi
antinomico ma in fondo armonico
delle pose:
adesso comprendo
dove tendessero le mie mani
fin dal loro scorgersi
intenerite bambine;
l'anelare di un tenore ancora acerbo
che regnava sui miei giorni
si abbeverava fiero
alle fonti di Verdi,
Puccini, Donizetti, Mascagni,
sonorità disegnate
in cerchi onirici di avorio
e così presto ritrovate
nei giardini di spartiti
pronti ad adagiarsi
sulla pelle discreta e timida del pianoforte
con la tenerezza di un ruscello
che l'acqua ha appena baciato.
Quanti appuntamenti
con do di petto pronti ad amarmi
tra le luci sacre di una recita
quante frecce di applausi
scoccate da loggioni esigenti
l'avresti mai detto
Modena mia adorata
che all'ombra dell'orgogliosa Ghirlandina
benedicesti i miei vagiti d'esordio?
Ho imparato
che la voce di un cuore immacolato
sa insediarsi nel ventre della luna
che regalare i miei acuti al pubblico
era il modo solo che conoscevo
per omaggiarli di esserci
e di esserci in me;
Scala, teatro regio, Arena

12

4
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • karen tognini il 20/12/2011 18:40
    Bravissimo Cristiano.. il grande Pavarotti lo hai omaggiato con versi strepitosi...

    Complimenti e applausi!!!
  • senzamaninbicicletta il 20/12/2011 05:41
    molto bella e molto apprezzata, bravissimo
  • loretta margherita citarei il 20/12/2011 05:34
    doveroso omaggio, una voce straordinaria, complimenti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0