PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Le Aurore e Noi

Boccheggianti Aurore
escono dal sonno
chiedendo ansiose
agli orizzonti delle nostre labbra

d'incontrarsi con la stessa festeggiante gioia
in cui si erano addormentate nel bacio
maestoso e lento

di un nostro tramonto

dipingesti quel giorno i miei occhi abbracciati ai colori vermigli del Tuo corpo posati su una tavolozza del cielo dalla trasparenza dell'oro

scoprendo nella notte nuovi meravigliosi fiori sbocciati sui nostri visi
dal luminoso inseguirle nei nostri sogni come fate divine languide e ammalianti desiderose di essere amate fra stelle d'incantesimi per miglia e miglia di luci dai connotati irreprensibili di rose

iperbolici profumi ci accompagnarono nel sole gaudente di un estivo giardino irradiante di fuochi

lanciato nell'oltre umano sorriso dal nostro sublime estatico Amore

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • mirtylla il 21/12/2011 15:44
    Nostalgia di un amore che vuole riscoprire le passioni "in cui si erano addormentate nel bacio maestoso e lento di un nostro tramonto" e che nel cuore del poeta fanno tingere di emozione i suoi versi
    bravo

10 commenti:

  • giuliano cimino il 22/12/2011 00:57
    un amore emozionante pieno di quell'esressione e di immagini che tu mio caro poeta dscrivi così bene
  • Marco Ambrosini il 21/12/2011 22:13
    emozionante oserei definirla psichedelica!
  • Gianni Spadavecchia il 21/12/2011 14:26
    Sublime ed estasiato Amore.. Un amore più che vero. Vincenzo, complimenti è proprio bravo!
  • silvia ragazzoni il 21/12/2011 11:48
    letta d'un fiato.. come si fa a non emozionarsi?!.. parole che incantano il cuore!
  • Anonimo il 21/12/2011 10:58
    Bella questa continuità fra tramonto ed alba... forse è proprio la più efficace metafora dell'amore eterno... ho sentito il profumo dell'amore in quel giardino incantato. Molto bella, Vincenzo... stupendi quei versi lunghissimi scritti in apnea... piaciuti. ciaociao
  • Ada Piras il 21/12/2011 10:13
    È come un giardino incantato.. Bellissima... bellissima anche questa.
  • roberto caterina il 21/12/2011 09:33
    Versi che diventano prosa nella ricerca iperbolica di giardini estivi o di profumi oltre l'umano? Ricerca estetica appena usciti dal sonno che va verso incantesimi stellari..
  • anna rita pincopallo il 21/12/2011 08:30
    grande poeta riesci a tessere merletti di parole in raggi di luce
    semplicemente stupenda
  • Bianca Moretti il 21/12/2011 07:43
    Versi che tolgono il fiato... Sei un autentico pittore dell'amore.
  • karen tognini il 21/12/2011 07:28
    Bellissima Vincenzo... come sempre nei tuoi versi c'è la magia vissuta in un amore reale che ti porta alla ricerca dell'eterno che è in noi... nella luce dell'amore infinito...

    bellissima... un abbraccione

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0