accedi   |   crea nuovo account

Quasi cent'anni

Era il 1917
Vito aveva 20 anni.
Ingabbiato
in una guerra assurda
come assurda è ogni guerra..
Sorpreso da una granata
in quella nuda trincea
poggiò l'orecchio al suolo,
ormai totalmente
sordo al mormorio del Piave.

Siamo nel 1988
Zia Margherita spirò
da nubile.
Ero il suo nipote prediletto.
Più di novant'anni vissuti
con un indelebile unico
ricordo d'amore.
Si portò nella bara
quella vecchia giubba di soldato
gelosamente conservata nel cassetto.

Ecco il 2007
M'hanno detto che il male
è aggressivo forte ed assassino.
Vivo di corsa..
Mi dicono Auro, e quanto scrivi..
Ho la sensazione di non aver ancora
troppo tempo a disposizione.
Ho la fortuna di appartenere
ad un'ottima generazione,
Quella che non ha mai visto
la guerra sul suolo della Patria.

Ragazzi è quasi il 2012
In bubbone l'ho sconfitto
potrei dire sono fuori per sempre
anche se il cornuto è molto subdolo.
E voglio esprimere un desiderio
l'unico che veramente conti:
Conservare l'amore che ho
fuori di me, dentro di me,
dentro di te, all'infinito.

 

8
8 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • mirtylla il 23/12/2011 16:43
    Una mescolanza di memorie, emozioni e speranze scritte col cuore che mettono in luce una vita sofferta ma piena d'amore
  • Maurizio Cortese il 23/12/2011 14:46
    Questa poesia esprime insieme forti legami familiari e pezzi di storia patria, in un mix che non indulge a retorici sentimentalismi e conclude con il desiderio dei desideri: l'amore.

8 commenti:

  • silvana capelli il 20/08/2012 13:10
    Una poesia che fa rivivere il tempo a ritroso con meandri di ricordi che non si cancellano.
    Molto bella!
  • Anonimo il 11/06/2012 15:30
    Oggi mi sono proposta -anche se il mio tempo a disposizione è sempre così poco- di leggere qualcosa almeno del tanto che hai prodotto in passato. E che piacere, tutto particolare, dalle tante sfumature diverse, è stato leggere questa tua, condividerne la gioia CON TE. Un abbraccio.
  • ignazio de michele il 29/12/2011 17:47
    una riuscita declinazione vitae...
  • loretta margherita citarei il 22/12/2011 21:02
    molto bella complimenti AUGURONI AMICUZZU
  • mariateresa morry il 22/12/2011 13:54
    Questa poesia io la vedo come un canto alla Vita, nella sua essenza, nella sua forza, in quella voglia interiore umana senza la quale essa non è... Grazie Auro.. con il tuo nome, poi, non puoi che scintillare come oro!! Vivissimi auguri!!
  • Ada Piras il 22/12/2011 13:52
    Condivido i commenti già espressi... Bravo Auro.
  • vincent corbo il 22/12/2011 12:18
    Un grande esempio di scrittura che non è poesia né prosa ma vita, emozioni, coraggio, storia, forza.
  • Vincenzo Capitanucci il 22/12/2011 12:13
    L'importante è consevare l'Amore...è un infinito dentro di noi che non spira mai.. essendo figlio del Vento...
    Bellissima Auro... 100 vita... con un Amore sempre presente in lotta contro il tempo...
    Buone Feste Auro.. e un meraviglioso 2012...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0