accedi   |   crea nuovo account

Sri Aurobindo-Mère e Noi

Incontrarti
è stato una boccata di ossigeno puro
si è riacceso in me il fuoco della passione e dell'Amore lungimirante
in esplosione
per troppo tempo seppellito sotto un manto di religioni

utili stampelle per il camminare degli zoppi

hai piedi piantati solidamente per terra in radici di sole
parli di un Amore dove Conoscenza e Potere

si danno la mano come due innamorati
in un bacio di beatitudine corporale
sognanti una divina vita terrestre

vissuta insieme

in un corpo rimodellato dall'oro fluido di una luce in miele scesa dai cieli

Onda e Particella
Particella e Onda
danzano in me

sotto lo stesso aspetto

in un monito di non abbandonare la cella
trasformandola
nel tempo
in Un Tempio eterno

come
l'anima di una Dea
Sposa celeste in abiti di moglie devota
lotta
con variopinti fiori di loto aperti
pronta a strappare
con una forza erculea dalla saggezza divina in furente nudità

il corpo del Suo Sposo dalle braccia di un'altra Donna

chiamata Morte

 

3
4 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • cristiano comelli il 23/12/2011 22:46
    Vincenzo, mi levo il cappello ancora una volta di fronte al tuo squisito mondo poetico ricco di suggestioni e di escursioni in ambiti impegnativi come questo. Non conosco molto Shri Aurobindo, una sua frase, "l'uomo è un essere di transizione", mi ha colpito. Non persona isolata dal mondo, ma persona impegnata socialmente a contribuire all'indipendenza della sua India, Aurobindo è di quei personaggi che avvincono. Del resto non dimenticherei che dalla stessa terra proveniva il mahatma Gandhi. È bello ricordare, e tu lo hai fatto molto bene con la tua consueta padronanza di forma e sostanza, personaggi come questi che sono assurti giustamente a simbolo di una libertà di pensiero e di azione che in molti, oggi, avremmo bisogno di respirare maggiormente. Convergo poi sul pensiero di Karen laddove afferma che sai mescolare il divino con la realtà che stai vivendo. Shri Aurobindo, sulla stella su cui ora si trova, sicuramente sta mandandoti un'affettuosa carezza. Che vale un grosso grazie, anche da parte mia, per questo splendido cammeo che hai ritenuto di donarci nell'imminenza del Natale.
  • karen tognini il 23/12/2011 22:16
    Vincenzo in tutte le sue opere porta il lettore nel suo mondo fantastico... dove l'amore reale si mescola con la sua forte spiritualita'!
    C'è sempre un doppio senso nelle sue opere.. riesce a mescolare il divino con la realta' che sta vivendo... e cioe' l'amore verso la sua Amata donna... È meraviglioso il suo grande cuore!

4 commenti:

  • Anonimo il 23/12/2011 15:06
    È atraverso Te che, passo dopo passo, ho incontrato Sri Aurobindo, la Madre, e camminando senza sosta, nonostante tanti inciampi, ho incontrato tutti i Maestri e tutte le Madri, Fratelli e Sorelle, compagni di Viaggio in questo meraviglioso momento che sintetizza tutte le Ere in questa di cui non riesco a dire la potenza e la bellezza per il limite che hanno le mie parole.
    Sempre con immutata passione e gratitudine auguro a te e al tuo Metaverso animico un sereno Natale e per il Nuovo Anno basta un bacio e un abbraccio di bene supremo, il resto è già scritto tutto nel campo A a cui siamo connessi.
    n
  • silvia ragazzoni il 23/12/2011 15:05
    meravigliosa questa tua lirica.. parole intense e intrinseche di passione!
  • Giuseppe Bellanca il 23/12/2011 13:11
    versi intensi come sai dare tu in molte tue opere, un insieme di passioni e sensazioni che creano la tua poesia... stupenda...

    augurissimi Vincenzo anche contro tutte le nostre avversità in eterna pace col nostro io...
  • karen tognini il 23/12/2011 12:22
    MERAVIGLIOSA POESIA -CAPOLAVORO... C'È TUTTO IL TUO SAPERE... IL TUO SENTIRE... LA TUA CULTURA... LA TUA SPIRITUALITA'...

    VINCENZO... Onda e Particella
    Particella e Onda
    danzano in me

    sotto lo stesso aspetto

    in un monito di non abbandonare la cella
    trasformandola
    nel tempo in Un Tempio eterno...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0