PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Ai minatori di Marcinelle

Abbracciati a quel lavoro
tutto sudore e respiri
fumanti di affanno e sacrificio
ci scorgevamo
e a considerarci ci addestrammo
figli del mantello del buio;
la vita
quando il pane che puoi addentare
e fare gustare a chi il destino
ti concesse di chiamare vero amore
nasce dalle viscere della terra
è sempre arrampicarsi
più in alto dei fendenti traditori del dolore
è quello scoprire
di avere appreso a volare
senza mai poter donare ai proprii occhi
il conforto etereo
della volta del cielo;
non ci parlava
o forse ci parlava benissimo
la ragnatela insanguinata
di una morte che non urla il proprio nome
sulla pelle di chi imprigiona;
le nostre labbra
scintillavano fiere
dinanzi all'odore stritolante
di carbon fossile
e di un impenetrabile chiuso;
l'8 Agosto 1956
tutti ci chiamò a raccolta
in una riunione fumante
di acre fuliggine
più le nostre fatiche
e i nostri respiri affannosi
non ci sarebbero appartenuti
nel tragico, definitivo danzare
di un'ingovernabile sfera di fuoco;
il carbon fossile
aveva firmato per sempre
la lettera con cui accettava di tradirci
quel concederci la salita verso il cielo
senza che ci capacitassimo
di poterlo toccare e gustare
vite assurdamente strappate
a un lembo di miniera silenziosa;
il bianco rosso verde
vessillo che schiaffeggiava
un vento ribelle
e custodiva la voce di valorosi immigrati
si piegò su 136 anime

12

4
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Vincenzo Capitanucci il 24/12/2011 07:26
    Una dedica più che dovuta Splendida Cristiano... La Tragedia di Marcinelle... leggendola mi ha provocato un "tourbillon" di sensazioni... ho ripensato al cantante Adamo... a Miniera dei New Trolls.. al libro per me un capolavoro di Emile Zola..."Germinal" romanzo storia della vita dei minatori... dei loro scioperi di protesta.. dove forse apparve il primo anarchico nella storia della letteratura francese... romanzo in un certo senso premonizione... precedette di 20 anni.. un'altra tragedia quella di Courrières dove morirono più di mille minatori...
  • loretta margherita citarei il 23/12/2011 21:12
    MOLTO BELLA, MI HA FATTO RICORDARE MIO NONNO, MINATORE, BRAVO

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0