accedi   |   crea nuovo account

Vibrazioni numeriche

Eri

sdraiata su un sogno del pianeta

contavi
le onde del mare per vedere se erano rosa

camminando
su un raggio di sole
vibrante d'emozioni
mi avvicinai al nume del Tuo viso

volevo vedere da vicino
se dalle Tue piccole labbra
uscivano scintille di parole
o
cotoni imbevuti d'alcool

dal mio volto
realtà o illusione

Oh del mio volto
non conoscevo più niente

avevo
due occhi così sgranati

da non sapere in quale parte dell'universo
era esplosa
in un tremolio di stelle la bocca del mio sorriso

 

4
5 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Alessandro il 26/12/2011 00:13
    Immagini cosmiche che fanno da prologo ed epilogo a versi di meraviglia, stupore, adorazione nei confronti della persona amata, vista come un'apparizione tenera e sacrale.
  • cristiano comelli il 25/12/2011 15:40
    E bravo Vincenzo, un altro cammeo di pura poesia che si aggiunge alle decine di altri che ci hai già regalato.
    Di sicuro, per me, la bocca di un sorriso permea ogni angolo di universo se quel sorriso significa vicinanza a chi soffre o compiacimento per quelle cose semplici che rendono davvero vita la vita. Siamo un sorriso itinerante che si dilata sempre di più a misura della sua capacità di imparare ad amare. Cordialità e auguroni.

5 commenti:

  • giuliano cimino il 28/12/2011 00:50
    in un tremolio di stelle la bocca del mio sorriso... un po' come si rimane a leggere queste vibrazioni
  • Anonimo il 25/12/2011 10:23
    Una poesia diversa da tutte le altre, un Amore che sboccia nel surreale sogno di un uomo bambino che agrana gli occhi di fronte alla bellezza... originale e meravigliosa, Vincenzo. piaciutissima. ciaociao
  • roberto caterina il 25/12/2011 09:52
    mi dà un senso di grande tristezza.. questa fanciulla immobile rassomiglia troppo ad una bambola che vorremmo animare in qualche parte del cosmo e, invece.. io la leggo così..
  • Vincenzo Hypomone il 25/12/2011 09:24
    Un bel capolavoro, tra estro e sensibilità.. ottima Vincé!
  • karen tognini il 25/12/2011 08:18
    Non l'ho capita troppo bene... ma è bellissima... e come sempre giocando con le parole hai scritto un canto d'Amore...

    Bravissimo poeta!..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0