PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Per don Pino Puglisi

La mia tonaca
è una spada scintillante
dell'impronta ancestrale
del Dio che bacia
discreto ogni cuore
per fendere ogni verme di male
pronto a farne suo sogghignante pasto.
Cari anni verdi
impazienti di sbocciare davvero
in quella stella
che mi chiese di insegnarle a brillare
delle parole rinfrescanti del divino
ritroverete
il mio esserci stati per voi
il mio avere ipnotizzato
con lo sguardo di chi mi diede amore
le vostre biciclette e i vostri motorini
perchè non si infrangessero
impotenti e ignare
contro il muro
di sinistri destini
tracciati da lupare affamate
di sangue sempre nuovo;
la mia presenza ora
è nascosta tra sussurri di vento
chiedete alla magia
degli eburnei tramonti di Sicilia
di ricondurla a voi
in un libro di incandescente memoria:
sarà per voi
come una conchiglia timida e maestosa
che ha rapito alla voce del mare
la più sublime verità,
"la mafia non trionferà
la mafia non trionferà".
Giovanni, Paolo, Rocco, Rosario
Carlo Alberto
di quante pagine
questa indomabile resistenza
ai morsi della paura e della violenza
ha formato un libro aperto.
Questa stessa voglia di combattere
per un domani che possa chiamarsi speranza
ha la dolcezza incontaminata
delle nenie che nonne
imperlate dal loro velo un po' ricordo
un po' nostalgia
ricamano su bimbi appena sbocciati
ha la levità sinuosa
dei pescherecci che strizzano l'occhio al mare

12

3
4 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Aedo il 26/12/2011 00:30
    Poesia di grande spessore sociale e letterario: la figura di don Puglisi emerge in tutta la sua grandezza, pronto a lottare perché siano vinte col coraggio di chi ama le mafie e i soprusi. E il messaggio finale della composizione accende la speranza:
    "Mi chiamai e mi chiamo
    don Puglisi, don Puglisi Pino
    e sui vostri cuori sempre dimorerò
    come il tepore inafferrabile di un camino
    pronto a riscaldarvi l'esistenza
    perchè nella pace duratura
    scorga la sua unica, autentica
    immarcescibile essenza.
  • Raffaele Arena il 25/12/2011 22:14
    Questo ricordo è meraviglioso. Sicuramente vissuto in prima persona, forse, per l'intensità emotiva con cui lo hai scritto. NO a tutte le mafie. Belliissima poesia!

4 commenti:

  • cristiano comelli il 26/12/2011 00:35
    Ringrazio vivamente per l'apprezzamento e formulo i migliori auguri di ottime festività. Cordialità.
  • cristiano comelli il 25/12/2011 22:20
    Ringraziando tutti, voglio come di consueto dirigere i vostri complimenti a chi, don Pino appunto, ha lottato pagando con la vita per fare trionfare la pace in una terra minacciata dal cancro che sappiamo come la Sicilia. Un'isola fiera che, ne sono certo, saprà sempre ruggire più forte, con la sua rettitudine morale, di ogni sanguinolente, vigliacca e bastarda mafia.
    Cordialità, buon Natale e buone feste.
  • loretta margherita citarei il 25/12/2011 20:19
    doveroso omaggio ad un grande uomo, complimenti signor comelli, spero abbia passato una gradevole festa
  • Vincenzo Capitanucci il 25/12/2011 18:30
    Bellissima Cristiano... vivo così fuori dal mondo che non lo conoscevo neanche... una grande anima...

    "Il credente che abbia preso in seria considerazione la propria vocazione cristiana,
    per la quale il martirio è una possibilità annunciata già nella rivelazione
    non può escludere questa prospettiva dal proprio orizzonte di vita.
    I 2000 anni dalla nascita di Cristo sono segnati dalla persistente testimonianza dei martiri"
    (Giovanni Paolo II, Incarnationis Mysterium)

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0