PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Piazza Fontana

Diciassette anime strappate
dalla scia composta e fiera dei loro sogni
avvolte nell'urlo vigliacco
di una bomba sfuggita a ogni nome;
piazza Fontana,
12 dicembre 1969,
sferragliare di tram assonnati
ricolmi di ansie e fatiche studentesche
e di processioni di veri lavoratori
lo sguardo della Madonnina
sostenuto dal sorriso basaltico
e mai annerito
di guglie che pavoneggiano
la loro genesi gotica
come a volerla donare all'urano;
solo pochi metri lontano,
il fiero e brulicante svolgersi
del quotidiano contabile e finanziario
di una robusta e orgogliosa banca;
non vi fu chi vide
una mano sanguinante e sghignazzante
strisciare come il verme più bieco
in uno squarcio di destino traditore;
un ticchettio assassino
si annidava tra le scie di parole
di gente ignara e onesta
il conto alla rovescia
di un massacro ribollente di maledizione
a comporsi cominciava
tra le ordinarie trafile dei cassieri
e si aggirava
lucido e impietoso
tra gli interstizi
di sportelli bancari indifesi;
il Duomo riposava inconsapevole
avvinto nel mantello delle sue preghiere
solo lo scoppio
prese allora la parola
camminando su una miccia di lacerante precisione
e parlò una volta sola
inghiottendo ogni altra parola
in un cono d'ombra.
Piazza Fontana
quella stessa mano
che mai rivelò il proprio nome
nascosto tra dita di rame
si ostina ora a non manifestarsi
ebbra di processi
che trovarono colpevoli
e li disfarono in una folata di incertezze;

12

2
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • senzamaninbicicletta il 26/12/2011 08:05
    una poesia che ricorda in modo chiaro e autentico l'evento, la narrazione poetica lancia le immagini di quella mattina direttamente nell'animo del lettore. La mano che agì ancora sconosciuta o forse solo celata dal velo del potere. una ottima denuncia una bellissima poesia

1 commenti:

  • - Giama - il 11/01/2012 23:40
    una poesia bellissima: la sua capacità di cogliere i particolari e raffigurarli abilmente nei suoi versi, conduce con leggerezza a quei momenti di terrore facendo rivivere la commozione e la rabbia provata da chi è stato coivolto, direttamente o indirettamente, da questi tragici eventi...

    complimenti!

    se lei volesse ci si potrebbe dare del tu...

    saluti
    Giacomo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0