PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Periodica, asintottica

Sole notte e giorno,
luce nel mio inverno,
fine al sadico letargo
in cui rifugiarmi odio,
e che impedisce qualsiasi azzardo
ad un sospirato podio;

schiudo le mie palpebre
e attraverso le tenebre
vedo il mio astro
soffocato dal fumo
che brucia rossastro
e non lo vede nessuno,

così raccolgo le mie
più remote forze
e inseguendo pazzie
anniento le nostre
inutili paure,
assurde autocensure,
conquistando poi
un posto per noi.

Il cielo è ora
più che mai vermiglio
ma poi si scolora
e dentro a un giaciglio
sbadiglio,
sbadiglio.

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0