username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Uno dei tanti

La prima gelida domenica d'inverno tardava ad arrivare
E tu l'aspettavi dormendo in un letto d'ospedale
"Dai su riprenditi che, tra poco ce ne andremo
Feste, risa e carte e si che ci divertiremo"

Ma questo era quello che ci piaceva raccontare
Tu l'avevi già capito quanto era freddo quel Natale
E come in un teatro poi li vedi entrare in scena
Attimi, ricordi e sogni della tua vita piena

Piena di quando si è giovani e si fanno mille cazzate
E si vive un po' troppo forte per quelli i cui tempi sono andati
Piena di ricordi, di lavoro e distrazioni
Di una moglie persa giovane e di familiari nuovi

Quanto vale saper leggere e scrivere in una vita?
Se col tuo vivere tutto questo sai che non è servito?
Ma tu sapevi ridere di chi non rideva mai
Domani è un altro giorno e non esistono più i guai

Se ci guardi, ti prego, non ridere, di noi stupidi mortali
Che litighiamo, che non ci parliamo, per motivi così banali
Tu si che ci hai insegnato cosa fosse la felicità
Le sigarette, il primo canale e qualche piccola oscenità

E quel posto vuoto ora, lo riempia chi non c'era
Quando tu nascevi ed iniziava una nuova era
Quella della guerra, di mancanza e di aver fame
Di questo tempo che trascorre e a un'altra vita deve lasciare

La prima gelida domenica d'inverno non la scorderemo mai
Con te che hai chiuso la porta e adesso in giro te ne vai
Quello che ci aspetta oltre lo scopriremo poi
Noi abbiamo perso solo uno dei tanti, uno di noi.

 

4
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Fabio Solieri il 31/12/2012 15:22
    Sfoga la tua tristezza, poi fai posto alla vita. Potrebbe venir sereno dopo la tempesta. Potresti anche cogliere un fiore.
  • silvana capelli il 06/06/2012 13:35
    I riordi restano, non si dimenticano, ero giovane assai quando ho perso quello che tu oggi non hai, e comprendo! non resta che guardare avanti e vivere con serenità la vita che ci resta. Auguri!!
  • loretta margherita citarei il 29/12/2011 05:52
    speriamo sempre in meglio auguri
  • Nico Iuliano il 29/12/2011 00:22
    Che siano giorni migliori per te, Rosa Maria...
  • Rosa Maria Marongiu il 29/12/2011 00:12
    Quanto può essere doloroso soffrire nei giorni in cui si dovrebbe essere più lieti. So cosa vuol dire.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0