username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Il silenzio del vento

Silenziosamente è
il vento dei mari del Nord,
nel dipinto
pennellato dallo sguardo
sorpreso e ritrovato
in quel guado
ora silente,
ora dormiente.
Silenzio.
Dorme il mare.
Ho visto un color rosso
unire la piazza del Ponte Rosso,
con il sorriso di quella luna
che nella notte del silenzio perduto
ha baciato il buio del tempo avveduto.



Scuote il sentimento senza nome
la voce della Sacra Corona ungherese,
con la violenza del passato
non vissuto e dimenticato
per quelle strade rese
ove ogni libertà è persa,
nella via non maestra di tal
pensiero manifestato
che ogni dissenso ha arrestato
sulle rive del Danubio,
nel vivo e doloroso dubbio
che l'umanità è atroce
nel perdurante errare.



Silenzio.
Dorme il mare.



Ho toccato e sfiorato
il complesso Kleine Berlin,
tra le vie del Coroneo
e le monotonie di Fabio Severo,
in quella Trieste,
che tanto ha sofferto,
che tanto ha lottato
per un passato
qui ancor vivo
e mai dimenticato.
Ho visto il buio della paura,
ho ascoltato il rumore del fango,
orco senza anima
che ha salvato uomini e donne
dalla ferocia
della guerra.
Ho respirato l'aria umida e stanca
di una vita che ora apprezzi
nelle grotte
della burocrate città
ove siam schiavi e avvezzi
al senso della morte disumanità.
Silenzio.
Dorme la vita.

 

3
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • laura cuppone il 01/09/2012 09:16
    é splendida e non capisco come non sia stata commentata...
    é proprio vero che il cieco lo é solo in virtù della sua penosa indifferente "distrazione"... e poi parlano di morte del sito...
    lasciamo perdere...

    Bravissimo Marco!

    Laura

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0

- Il video di quest'opera -