username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Casa di Poeta

Al tetto
un dipinto di muffa
si scambia per l'affresco perfetto
di una chiesa appena sconsacrata
dal quale
un brandello pende come tela
per toccarsi con il muso
del cane
già libero di credersi padrone
del mio destino.

Il letto
una piazza per il vagabondaggio
delle striature sul lenzuolo,
il mobile è a destra
al tatto quasi smagrito
per la polvere
e accanto le pale di una croce
piegate come un paio dita
che si contendono il pugno.

Quando per il vento
la porta batteva
a schiocchi
coi metraggi di legno,
l'ombra la inseguiva
dileguandosi tra le fessure
del pavimento
come un riflesso di apparenza
su i piccoli gesti
ed il caffè rovesciato sul molo
al mattino.

Dove per un attimo
sul lago
la saturazione del riflesso sull'acqua
era l'affondo della sera
calata sul mio mento
per le fatalità restanti
tra le mura e i ricordi
di quella casa
arbitrariamente.../vuota.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 29/03/2012 11:59
    La ricercatezza delle tue parole impreziosisce tutta l'opera. Complimenti davvero!

15 commenti:

  • Alessia Lombardi il 02/07/2012 02:24
    Lirica molto bella
    Apprezzatissima!!
  • A. A. il 17/02/2012 13:27
    Non ho capito di cosa stai parlando. Se hai qualcosa da dirmi, dimmela in pvt.
  • Emanuele Perrone il 17/02/2012 13:14
    cavolo bravissimo... sei un ricercatore di parole. un paroliere... metafore molto ben riuscite e soprattutto significative.. ma di che cosa si parla? l'ennesimo narcisello che se sente baudeleire.. ahhaha dai scherzo non offenderti eh mi raccomando... in fondo sono solo parole ahahah
  • alta marea il 28/01/2012 13:37
    Le cose buone si vedono nel tempo, non sono come un fuoco di paglia che è intenso ma dura un attimo e fa solo fumo.
  • karen tognini il 12/01/2012 17:24
    Oddio scusami.. Antares...
  • karen tognini il 12/01/2012 17:23
    Bravo Fabio...
    scritta con grande vocabolario... parole ricercate...
    fanno di questa poesia un classico da antologia...
  • Anonimo il 10/01/2012 20:24
    Mi piace molto; ben argomentata con padronanza linguistica.
  • Francesco Di Lorenzo il 10/01/2012 00:05
    Molto bella, parlo di immagini pregne e di ritmo, e molto ben scritta.
    Un sola cosa non mi convince : "[...] la saturazione del riflesso sull'acqua [...]".
    Questo verso è come (sempre secondo me) troppo lento rispetto al resto.
  • mariateresa morry il 07/01/2012 15:07
    Quando si vale molto, è bene che i commenti siano pochi, pochi e sinceri...
  • Gianni Spadavecchia il 06/01/2012 16:27
    Molto intensi.. Complimenti, un saluto.
  • A. A. il 05/01/2012 12:47
  • Vilma il 02/01/2012 12:13
    bellissimi questi versi di vera poesia, bellissime le immagini da te descritte e molto profonde. Complimenti
  • silvia ragazzoni il 02/01/2012 11:38
    veramente molto bella... mi piace come scrivi, lo fai davvero molto bene, che leggendo sembra di entrare nell'opera
  • A. A. il 01/01/2012 03:56
    Grazie per il commento. Anche se pensavo c'è ne fossero altri. Si vede che è capodanno e nessuno si è connesso.
  • senzamaninbicicletta il 31/12/2011 14:23
    molto bella, complimenti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0