accedi   |   crea nuovo account

Le bandiere tradite

Quanti morti ammazzati
tanti i loro assassini
da sempre sconosciuti,
ignoti.
Ad ogni morto sull'asfalto
la gente manifesta in piazza
urla e spinge
agita al cielo
le rosse bandiere;
bandiere tradite dal vento
macchite di sangue innocente.
Ustica, le sue menzogne
Gladio, i manganelli e le P1, 2, 3...
e le bombe misteriose;
i tanti volti del potere.
Urla la gente in piazza
davanti ai poliziotti
una schiera minacciosa
qualcuno li apostrofa;
-siamo tutti compagni-!
Ma gli uomini in divisa
hanno le orecchie coperte
e muovono i loro randelli
sibillanti e spietati
a coprire le loro coscienze.
Perché scende in piazza quella gente?
per fare che cosa?
Qualcuno oggi cadrà per strada
altro asfalto macchiato di sangue
ancora una lapide
parole bronzee incise
dolciastre e false,
qualcuno a sera
eleverà un triste canto.

 

5
7 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 02/12/2012 07:48
    ... dal primo all'ultimo verso
    scorre che è una meraviglia,
    complimenti...

7 commenti:

  • Grazia Denaro il 03/02/2012 15:54
    Bellissima lirica che inneggia a tutti i gravi fatti di cui è stato macchiato il nostro paese in questi anni travagliati. Ben stilata, bravo Salvatore!
  • augusta il 07/01/2012 13:07
    sono d'accordo con john.. i baratri sono da altre parti...
  • mariateresa morry il 06/01/2012 11:40
    Infatti quell'articolo di Pierpaolo Pasolini, sul Corriere della sera del tempo ( oggi ancora leggibile nella raccolta Scritti Corsari) irritò moltissimo le anime belle della sinistra di allora, ma diceva una grandissima verità... ma essendo lui l'Avanguardia intellettuale, quella vera, colta, concreta e , non essendosi appiattito ai luoghi comuni, venne duramente criticato... grazie per averlo ricordato Salvatore!
  • salvatore maurici il 02/01/2012 21:59
    Spesso dimentichiamo che dimostranti e poliziotti sono figli della stessa madre: la miseria. C'è voluto PPP con i suoi scritti per farci comprendere appieno il dramma che ogni volta si consuma.
  • mariateresa morry il 02/01/2012 15:25
    Affrontare le problematiche politiche, i grandi temi sociali è sempre molto difficile. Tu qui lo hai fatto con un giusto spirito, senza scadere nella sottile demagogia o populismo che stanno sempre in agguato. Mi piace il testo perchè aspira alla verità, voler sapere la verità su tragici fatti del nostro Paese... bravo!
  • John Barleycorn il 02/01/2012 14:52
    baratro della società moderna... insomma... i baratri sono da altre parti non certo nelle manifestazioni, autorizzate o no che siano. Le masse da mandare al macello sono sempre state usate da quando l'uomo ha cominciato a voler sottomettere altri uomini.
  • Alessandro il 02/01/2012 13:33
    Attuale e suggestiva... si percepisce il baratro in cui la società moderna rischia di cadere.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0