PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il fu mattia pascal

sulla spalla di un morto vivo
riflesso nello specchio di un libro consumato
rido sorrido e piango
il racconto di questa mia vita inetta

caso conseguenza
o gioco della sorte?
morir più volte
ed essere ancora vivo

dimenticato dalla gente
spesso sconosciuto
per troppe vite che
non son valse una morte sola

 

5
2 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Aedo il 02/01/2012 18:59
    Cosa siamo noi? Un insieme di "maschere", che vivono di finzioni. Il messaggio pirandelliano è di un'attualità suprema. Riesci a rewndere tali pensieri in modo efficace.
  • Alessandro il 02/01/2012 14:46
    Rende piena giustizia al libro. Traspare tutta la disillusione, l'arrendevolezza del protagonista che si rinchiude in una senilità/non esistenza precoce per fuggire dalla consapevolezza di aver sprecato non una, ma più vite.

2 commenti:

  • mauri huis il 02/01/2012 20:59
    riso amaro, spirito pirandelliano rispettato alla perfezione. forse meglio questa tua riflessione che il libro in sè, almeno per me...
  • Elisabetta Fabrini il 02/01/2012 14:27
    Ho letto il libro di Pirandello non so quante volte... mi ha sempre affascinato. I tuoi versi sono altrettanto intensi e significativi.
    Bravissimo!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0