accedi   |   crea nuovo account

Avenìda Atlantica

In bilico
al 29° piano
sta la curiosa
dell'ora di punta.
Stridono
grilli e violini
assieme ai taxi in corsa,
ghirlande silenziose di accesi
topazi e rubini si sgranano
sulle vaste, buie corsie, e piccole
falene palpitano in fuga
sui passaggi pedonali.
La stessa luna gialla che si affaccia
tra i grattacieli di San Paolo
è qui, coricata su questo emisfero,
sempre più grande e sempre più gialla
nel tumulto della notte.
È una luna sfacciata e dolce:
è venuta a cercarmi
è venuta a stanarmi,
vuole che io esca e la imiti
mi sfida ad essere senza limiti,
"Osa il tuo sogno!" mi dice,
sorride e sparisce
come inghiottita ad una
svolta del cielo.
Esco ed assaggio: sorprendo
bocche purpuree di danzatrici
mordere a ritmi improvvisati
la notte,
lunghe cosce d'ogni colore falciano
con accanimento soave
il porfido sconnesso e variegato
dei marciapiedi:
vi si sdraia, noncurante, la merce
dei mercatini notturni.


Fan musica i pettini di legno,
mi sobilla il rilucere di pietre e paillettes,
le piegoline della garza indiana stuzzicano
malsopiti gusti da bucaniera,
allusivi e variopinti tucani risvegliano
frizzanti ribellioni:
un vestito color del sole io voglio,
e uno color del vento,
e uno color ametista, come i pensieri saggi
del crepuscolo,
e un altro infine del colore amaro e trasparente
delle mie lacrime:

12

1
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 10/01/2012 12:53
    Descrizione direi addirittura pignola di tutto ciò che vive e travolge l'Uomo d'arte.

3 commenti:

  • Anonimo il 21/02/2012 20:58
    Complimenti, sei veramente brava, ti trasferisco nei preferiti
  • Anonimo il 21/01/2012 17:34
    Una poesia prosastica molto bella e significativa... una sinfonia che è nelle mie corde. ciaociao.
  • Anonimo il 09/01/2012 16:24
    Tu l'unico giardiniere.

    Dopo il fiore, si sostituisce, in maniera inaspettata, il silenzio. Poesia triste, poesia evocativa. Quando si è tristi si scivola nella poesia perchè nn si ha voglia di ridere, perchè i ricordi prendono il posto

    degli abiti e perchè poi piano piano si defluisce in un qualcosa di magico.-
    Stupenda poesia dedicata a chi hai molto amato perchè con profonda devozione ti ha amata.-
    Complimenti sinceri.-

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0