PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Settembre 2011

parlami d'amore...

di quell'amore oscuro, che lentamente...

sovverte le leggi dello spazio e del tempo,
...
cosi che il tempo si ferma...

e lo spazio diventa infinito...

parlami d'amore...

di quell'amore oscuro che

lentamente inganna i guardiani dell'anima...

cancellando le lacrime di un recente passato...

parlami ancora di questo amore oscuro!...

che arriva come vento tiepido d'estate,

scuotendo antiche emozioni...

come foglie di un albero senza vita...

parlami di questo amore che nasce

e muore...

nel piu profondo dei silenzi...

parlami d'amore,

solo d'amore!

che i tuoi occhi siano i miei,

mentre si illulinano d'immenso...

che la tua voce sia la mia...

mentre ti scoppia il cuore

 

1
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • erozero. f il 06/01/2012 15:29
    mysandrina... sei splendida... grazie
  • Anonimo il 06/01/2012 07:17
    Una delle più belle lettere d'amore che io abbia mai letto. Arriva lì, proprio lì... nel posto più sicuro del mondo. Il cuore.
  • erozero. f il 06/01/2012 04:55
    grazie di cuore a tutti. in particolare un saluto affettuoso al mio grande amico ugomas.
  • danilo il 05/01/2012 22:23
    Delicata e piacevole, tanto, da lasciare in chi la legge...
  • stella luce il 05/01/2012 21:47
    davvero molto bella, che arriva diritta al cuore
  • senzamaninbicicletta il 05/01/2012 13:49
    condivido il pensiero e il commento di Ugo Mastrogiovanni specie per l'accostamento a Neruda. Complimenti
  • Ugo Mastrogiovanni il 05/01/2012 13:11
    2. Un amore variegato di sentimenti espressi solo in parte, scotto che il poeta paga per la brevità di spazio, ma ripagato con la stessa intensità di affetti molteplici e incommensurabili. Il verso risente dell'attrazione che erozero ha per Neruda, ma riesce pienamente a colpire al cuore il soggetto per il quale è stata scritta e tutti noi che la leggiamo.