accedi   |   crea nuovo account

In viaggio da me a me

orientamento
guida i miei sensi
sul sentiero astrale che
la mente percorre
tra dettagli
che rapiscono l'attenzione

equilibrio precario
su un filo di seta
che le mie ruote
prive di gomme
trattengono

l'assenza
- di rotta o direzione -
è sorella figlia unica
del manubrio che manca

il cosmo
è una singola tessera
d'un puzzle scomposto
nella cornice dell'universo

ed il mio spirito
è la scatola che contiene tutto
nell'infinito viaggio
tra idee e pianeti

 

5
9 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • - Giama - il 05/01/2012 15:58
    Ti dico l'immagine che vedo: forse vale più di un mio qualsiasi altro commento...

    Vedo un artista (di strada) ... un equilibrista che avanza, bendato,
    lungo un cavo sospeso nel vuoto, le braccia allargate per trovare l'equilibrio... seduto su una bicicletta (a me viene in mente una di quelle con una sola ruota, ma tu usi il plurale...)

    bellissimo ed emozionante questo tuo viaggio, molto molto bello!

9 commenti:

  • letizia salerno il 30/10/2012 08:26
    bellissima poesia davvero!
  • Vincenzo Capitanucci il 05/01/2012 18:24
    Splendida Manì... un equilibrio precario su un filo di seta.. le mie ruote roteanti (le figlie del Sole) ... mi conducono.. dalla Dea del Kosmos... ed il mio spirito...è la magica scatola che contiene tutto l'Universo... dell'Essere...
  • Aedo il 05/01/2012 17:33
    Un viaggio dentro te stesso, pronto a raccogliere la sfida esistenziale, per azzerare tutto e ricominciare... Bellissima poesia, che mi ha incantato.
  • - Giama - il 05/01/2012 16:32
    ... in effetti tutt'intorno vi erano altre immagini "sospese" avevo individuato i pianeti, ma mi è apparsa anche una cornice laccata d'oro...

    comunque grazie a te... il merito è tuo!

    alla prossima!
    ciao
    gia
  • senzamaninbicicletta il 05/01/2012 16:25
    giama, io ho fatto un disegno a biro insieme alla poesia: c'è un uomo (un artista?) con le braccia levate in alto su una bicicletta senza manubrio che viaggia su un filo (di seta?) dal pallino bianco a quello nero dello yin yang tutt'intorno ho disegnato marte, saturno, il sole e la luna, ma anche saette, lettere stilizzate e parole che dovrebbero rappresentare le idee. Ti ringrazio molto del tuo intervento sei riuscito a vedere oltre i versi. Grazie
  • Gianna Ode il 05/01/2012 14:41
    bel viaggio!!! complimenti
  • roberto caterina il 05/01/2012 14:24
    Bella, adatta al tuo nome senzamaniinbicicletta...
  • Alessandro il 05/01/2012 14:09
    Un infinito viaggio spirituale, privo rotta. Bellissima
  • Elisabetta Fabrini il 05/01/2012 14:08
    Un bellissimo volo astrale dentro l'anima...
    Bravo!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0