PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il Fiore della Gioia

L'ego
sempre più lontano dall'eco divino
imprigiona

lega
il nostro essere

ad un silenzio
senza suono
né profumo

e colori

Tu
nel parlarmi con la luce dei Tuoi occhi
ridoni
il profumo ed il sapore di una carezza infinita

a tutte le qualità del mio fiore

in Te
m'annullo
Amore mio

a Te
lo porgo

e in petali di gioia nella Tua anima

vasto d'immenso

risorgo

 

3
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • karen tognini il 06/01/2012 09:43
    Risorgi nell'Amore... Tu
    nel parlarmi con la luce dei Tuoi occhi
    ridoni
    il profumo ed il sapore di una carezza infinita

    a tutte le qualità del mio fiore

    Sublime Vincenzo...
    divino poeta!!!
  • Anonimo il 06/01/2012 08:14
    L'ego diventa noi... l'Amore più grande ed incontrastato rende una cosa sola... immenso, Maestro Vincenzo!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0