PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Befana

Un giorno una vechietta
la Befana così detta
sulla scopa è salita
non aveva nessuna slitta.
Con la scarpa bucata
nella neve è affondata,
con i capelli arruffati,
con gli occhi spalanchati
e il naso storto,
scappava da un topo.
Povera vecchietta
Befana così detta
con la scopa direta
attorno al pianeta,
col suo cappello
un po' rotto e un po' bello,
era spaventata
dal topo;Imbranata!
Così la Befana
un po' vecchia, un po' strana
urlava scappando
e volava urlando...
Ma il topo poverino
era uscito un pochino
per trovare del formaggio
e ammirare il paesaggio.

 

3
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • rosaria esposito il 06/01/2012 19:00
    la strega e il topolino... povera strega e povero topolino... mi sembra una metafora dell'esistenza... e delle reciproche, assurde paure... bella!
  • loretta margherita citarei il 06/01/2012 16:46
    gradevolissima filastrocca, apprezzata

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0