username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Verso le dune più alte

Qui c'è un brulichio davvero
insopportabile.
Specchiarsi sugli altri è
oramai inaccettabile.
Un'altra maledizione, un
travaso di bile.
E la pelle bruciata che diventa
insensibile.
Sono stufo di tutto e fuggo
in automobile.
Mi areno tra le sabbie
col mio pensiero impercettibile.
Verso la duna più alta
per guardare oltre le nuvole.
Sono solo, finalmente, e penso
a cosa mi può essere utile.

 

3
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Anonimo il 25/02/2012 17:04
    Piaciuta davvero tanto
    forse perchè quel brulichio davvero insopportabile è dentro me ormai da troppo tempo
    ciao Gianmarco
    Angelica
  • ELISA DURANTE il 10/01/2012 20:14
    Cosa ti può essere utile... cioè che cosa è il meglio per te... Se è arrivato il momento di pensarci, allora è un bel momento. Augurissimi!
  • Clodia. il 09/01/2012 19:39
    "la pelle bruciata che diventa insensibile", ne so qualcosa.

    questa composizione ti rispecchia molto: ho sempre trovato stra-ordinaria la tua capacità di trarre qualcosa di utile da qualsiasi situazione. ottima lezione.
  • Alessandro il 07/01/2012 01:08
    Ritrovare la pace in mezzo al nulla, tra le calde sabbie. Isolarsi da tutto e tutti, tirare il fiato e riordinare le idee. Originale e suggestiva.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0