PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La nostra unione

Porterei con me
la pioggia delle stagioni
e il fuoco degli incendi.
Porterei con me la disperazione della gente
e le prugne appena raccolte,
tu spenta nel letto della
camera dormi già di un sonno
profondo non so se ti risveglierai
amore
prima del tempo previsto
nel giorno della fine
ma il conquistarti
è la candela accesa nel buio
l'alba del giorno dopo
una serata senza casa a fari spenti.
Notte di tutti tempi
le parole lame profonde
la disperazione negli occhi
la morte uno scettro magico
scoprirò il segreto che ci lega ancora.

 

2
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0