username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Sonno eterno

Perché la morte,
talune volte,
pare così piacente?
Forse perché ciò che
vorrebbe essere
cagion di gioia
non è bastevole
a sentirsi
vogliosi di vivere
e di sopportare
tutte le sofferenze,
ché la felicità,
dopo il dolore,
è più dolce.
O forse, nemmeno
esiste, in terra,
cosa più sublime
di quell'eterno
sonno.
Un eterno riposo,
lontano da tutto,
da tutti,
perfino da te...
Allora divieni come
chi la vita rimpiange,
e s'addormenta l'anima
mentre il corpo tuo vaga
come chi smarrì,
del proprio nido,
la via.
Un uccellino senz'ale,
una penna senz'inchiostro,
o un vento che non spira.
Vivi da morto,
tanto vale chiudere gli occhi
e non vedere,
non sentire,
non respirare,
e non soffrire,
ma solo dormire.

 

2
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Rei il 06/01/2012 20:04
    Lo capisco... ma sono leopardiana d'animo purtroppo ^^"
    so che è brutta e no vorrei mai vederla sugli altri o chi altro... però a volte, quando sei giù sfoghi così la tua depressione.
  • loretta margherita citarei il 06/01/2012 16:23
    apprezzata, anche se personalmente, avendo conosciuto la morte da vicino causa una malattia, posso assicurare che non è poi tanto bella come la si descrive.