accedi   |   crea nuovo account

Carrozza

Il colbacco del re degli zingari
é corona nel dissesto cittadino
con quattro ancelle
dagli occhi irrimediabilmente neri
lascia tracce
senza traccia

come i girini
che mi abbagliano dal sedile di fronte
e nuotano blu
sul verde fluorescente
per chi sa quale destinazione
chissà quale stazione
mai uno stagno
mai le cicale

ma il filo abbandonato nel cassetto dei rifiuti
è il detonatore giusto
d'una quotidiana implosione
un miagolio mi desta
appena in tempo
tra ferro e ferro
la mia carrozza stride
e s'arresta...

 

4
9 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Raffaele Arena il 12/01/2012 00:54
    Fior di lirica, metafora geniale, dove esprimi un sentimento e immagini del quotidiano e quasi oniriche. Piaciuta parecchio!
  • senzamaninbicicletta il 07/01/2012 10:27
    molto bella con immagini inusuali ed un ermetismo gustoso e direi irreale, anzi, surreale. Molto apprezzata. complimenti

9 commenti:

  • Rosarita De Martino il 04/06/2016 19:29
    La carrozza per me rappresenta la vita con tutte le sue illusioni e purtroppo anche con le sue disillusioni. Mi è molto piaciuta l'originalità delle metafore. Un saluto poetico. Rosarita
  • mauri huis il 29/02/2012 22:01
    Capito quasi niente eppur mi piace. Onirica, direi.
  • laura cuppone il 18/01/2012 20:13
    auguuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuu


    sempre con sto cibo in... bocca!

    lau
  • laura cuppone il 18/01/2012 20:12
    le recensioni mi... confondono
    specie se paragonate a "fior.. i"

    grazie infinite raffaele e senzamani...
    Laura
  • augusto villa il 11/01/2012 12:38
    Eccavoli... Vado e compro la mozzarella... così...
  • augusto villa il 09/01/2012 21:36
    Certo... che ha sempre quel tuo stile che ti contraddistingue...
    Brava... la Fatina!!! ---------------
  • laura cuppone il 08/01/2012 01:23
    Prendere un treno, al mattino, andare da una città all'altra e osservare come la società sia un pout purri di situazioni e naufragi, di come il tempo sia impreziosito da piccoli ritagli o spiragli da dedicare a se stessi..
    Ecco cosa tratta in fondo l'imbratto che ho scritto!!!

    Buon anno a tutti
    Grazie

    Laura
  • loretta margherita citarei il 07/01/2012 19:52
    sempre molto originali le tue poesie, bella, notevole buon anno, sia splendido x te il 2012
  • denny red. il 07/01/2012 16:23
    Questa tua.. come sempre la trovo.. che capisco e non capisco, ma quando scrivi cosi capisco solo che.. non ho altra sceta che dirti.. Bellissima! 1 Brava!! Laura C.


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0