username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Peter Pan

C'è un bimbo col broncio
dietro quel vecchio muro pieno di muffa,
seduto con le gambe raccolte al petto
gli occhi lucidi e sognanti.

Gli amichetti,
son gia nelle braccia della loro mamma
ma lui non vuole tornare a casa
la madre gli dara le botte
non ci sono mai carezze per lui

la camicetta a scacchi è sporca di fango
i calzoni marroni son strappati di gioco
la faccia paffuta è graffiata di gioia ;
è per questo che ha il broncio

nn potrebbe durare in eterno
il tempo dei giochi?
perche arriva la sera
a portar via il sole ed i suoi pomeriggi festosi?

lo stan cercando da ore, quel bimbo
c'è la madre disperata, al balcone.
ma scendere in strada a cercarlo è impossibile;
comincia a piovere.
Signora, stia attenta, potrebbe bagnarsi i vestiti!!

il bimbo poi non l'han piu trovato
si dice sia volato via, si dice dorma sopra le nuvole

il bimbo poi non è piu tornato
si dice porti via con se i bimbi tristi, quelli senza carezze

il bimbo poi non l'han piu trovato
si dice abbia imparato a volare, ed a sognare per sempre.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

15 commenti:

  • alessandro cittadino il 11/05/2008 22:21
    la poesia è un po "grezza".
    l'ho voluta cosi, perche mi sa di infantile, di fragilità
    di bimbo.
  • alessandro cittadino il 26/06/2007 01:01

    ti piaccio?
    credo tu stia dicendo che ti piace il modo in cui scrivo
  • Alessio Cogno il 21/06/2007 19:06
    la tua opera è un po' grezza ma forse il bello sta proprio lì...
    triste verità ispiratrice di versi futuri la frase: "non potrebbe durare...".
    Già, non potrebbe? ciao
    leggi qlc di mio se vuoi. bye
  • Duccio Monfardini il 12/06/2007 13:59
    bellissimo il contenuto, darei qualche ritocco agli ultimi versi ma è un'idea mia. bravissimo, ho provato un brivido. ciao, duccio.
  • alessandro cittadino il 09/06/2007 13:35
    ti ho lasciato senza parole, ho provi talmente disgusto che nn ti viene da dire niente???
  • Emanuele Perrone il 08/06/2007 21:07
    ,,,,
  • Argeta Brozi il 07/06/2007 15:17
    Mi mette un po' tristezza... sei riuscito nel tuo intento cmq. Nel finale ci sta meglio "e" senza la "d" e senza la virgola. Come sn puntigliosa...
  • alessandro cittadino il 06/06/2007 16:58
    emma mi sa che un romanzo su un bimbo che vola l'hanno gia fatto, pero nn so se esiste un libro nel quale si parla del perche, diciamo l'inizio della storia, uhm...
  • Donatella il 06/06/2007 15:51
    Scrivi bene, oltre alle poesie proverei con un romanzo, prendendo spunto proprio da questa poesia! Ciaooo
  • augusto villa il 04/06/2007 10:00
    Bravo Alessandro!
    Mi è piaciuta molto... Devo dirti pero' che la poesia inizia con un presente... e dopo la metà continua nel passato...
    Per il resto e' molto bella... Bravo!
  • alessandro cittadino il 03/06/2007 23:49
    provo a capire cosa vuoi dire

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0