PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Comunque, vada

Scivolando per i sentieri urbanizzati
della silente città,
ecco scampanare, l'ora del richiamo.
Ma le porte continuano a rimaner chiuse,
le luci delle case ancora spente,
il gatto silente ma non dormiente
persevera nell'osservare lo spazio
ancora vuoto
di una rivolta che non vuol arrivare.
Comunque vada,
è stato detto,
comunque vada è stato urlato.
Ma le parole si disperdono nel vento dell'indifferenza,
forse figlia del timore del cambiamento,
forse madre dell'egoismo maledetto
e vivo.
Ho cantato nella Piazza dell'Unità non più ritrovata,
parole di ribellione,
in tal momento l'arte immortalava il senso della speranza,
l'ispirazione degna di ogni altare da bagnare con le lacrime
d'amare, ascoltava e carpiva la provocazione oltre
ogni non più e mai benedetto oltre.
Ma le parole si smarrivano in quella fontana
senza più acqua,
in quel portico senza più mura,
in quella via
omologata alla monotonia
di una vita,
nonostante tutto,
da adattare al rigore,
all'austerità,
voluta ed imposta
dall'ordine dell'Autorità.
Disordiniamo questo ordine,
detronizziamo l'Autorità,
detronizziamo il nostro essere inconsapevoli
dall'ignoranza di Stato.
Comunque vada,
ho lottato,
comunque vada,
ho ribellato,
comunque vada,
ho osato.
Ed io sono,
perché oso.

 

4
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • cristiano comelli il 09/01/2012 19:11
    Nel suo componimento, sbaglierò, leggo echi del pensiero di Nietzhe: non è ovviamente un rimprovero ma l'esatto contrario: non del Nietzche che va al di là del bene e del male ma di quello che invitò l'uomo a raccogliere costantemente le sue sfide con se stesso: questo concetto mi è sempre piaciuto e mi piace anche l'idea che qualcuno come lei abbia avuto la sensibilità e la capacità di renderlo in forma poetica. Complimenti.

1 commenti:

  • Marco Barone il 09/01/2012 22:34
    Ho solo seguito la mia emozione ora presente, domani ancora presente...
    grazie, apprezzo quello che hai scritto,
    un salutone,
    m.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0