PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Credetemi

Che poesia è ...
una sequela di termini melliflui,
un lessico infantile intriso di buonismo
senza il pessimismo congenito del vivere
di oggi e di domani... così attuale,
così tragicamente privo di schiarite:
giornate grigie in attesa della sentenza
definitiva che per tutti ha nome "fine"
Ma chi veramente conosce la parola "dolore"
chi vive l'umiliazione di dover chiedere
e quella del rifiuto negli occhi e nella voce
di chi ha dimenticato promesse condivise
tra i profumi di zagara e rose bianco-avorio
credetemi... il suo calice è colmo
e preferisce l'abbraccio generoso
dal moto delle onde in superficie
senza immergersi in quel mare profondo
senza approfondire,
evitando di andare a toccare il fondo
e scavare l'animo
producendosi in analisi
da psicoterapeuta bravo.
Per questo il mio cielo
è sempre azzurro
e il mio domani roseo.

 

3
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • - Giama - il 10/01/2012 00:08
    Conosco la tua capacità artistica e apprezzo il tuo scrivere; qui condivido anche il tuo pensiero e ti faccio i miei sinceri complimenti!

    ciao Gia
  • loretta margherita citarei il 09/01/2012 20:53
    condivisa apprezzata molto
  • senzamaninbicicletta il 09/01/2012 09:55
    condivido appieno il tuo pensiero, brava

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0