accedi   |   crea nuovo account

Medea

un mare sinistro e nero
l'abisso di rabbia
dissolto all'orizzonte
con il buio del cielo

nessuna luce di stella
o il riflesso di un'idea
infrange il nero compatto
che oscura la mente

offre il veleno
d'una menzogna che arma
i pensieri e sguaina
lame sibilanti con le parole

girasole di notte
vira il capo senza Lume
e soffrendo s'offre
all'Ira d'un male profondo

 

l'autore senzamaninbicicletta ha riportato queste note sull'opera

dedicata ad una persona in particolare


4
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Ferdinando Gallasso il 13/01/2012 09:26
    Per me, un piccolo capolavoro!
    Tra le migliori che ho avuto modo di leggere in quest'ultimo periodo, qui e in latri forum di poesia.
    Mi piace lo stile, l'argomento, il modo con cui l'hai sviluppato, le immagini, le sensazioni cupe...
  • Salvatore Maucieri il 12/01/2012 15:58
    Bella dedica. Poesia stupenda. Complimenti. Ciao
  • Anonimo il 12/01/2012 13:35
    ..."girasole di notte
    vira il capo senza Lume
    e soffrendo s'offre
    all'Ira d'un male profondo"
  • Don Pompeo Mongiello il 12/01/2012 13:19
    Molto apprezzata e piaciuta questa tua eccezionale!
  • Vincenzo Capitanucci il 12/01/2012 11:23
    Astuta e scaltra... mi sono creduta una dea...
    Bellissima Manì... ingannata da una menzogna d'Amore... ho girato il mio sole nel nero... affondando ogni discendenza... in un male profondo...

    non ho capito bene a chi potevi riferirti... ferirti... ho ripreso un po' l'immagine della Medea classica... ma la bellezza della Poesia resta...

    Chi soffre... ha la maledetta tendenza di volersi vendicare... con fatti... o lame... di sibilanti parole...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0