username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Periodo rosa antico

se mi chiami amore
non ti rispondo
e non cercarlo in me
poiché d'esso
non troverai traccia

irto di spine
foresta di rovi
questo è stato
e in esso affondai

ma pulsa ancora
il mio quore pesto
respira forte
e si dibatte invano

odia e ama
mormorando piano
parole ad un sordo
di lama lesto

se mi chiami amore
non ti rispondo
ma te lo offro - il quore -
o almeno ciò che resta

 

l'autore senzamaninbicicletta ha riportato queste note sull'opera

poesia di tanto tanto tempo fa... rispolvero di vecchie emozioni dimenticate


un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Auro Lezzi il 12/01/2012 18:27
    Con questi versi riesci a descrivere min pieno il vero dolore d'amore.

12 commenti:

  • teresa... il 14/04/2012 12:32
    Ma pulsa ancora il cuore pesto! Molto bella, delicata! Piaciuta molto!
  • Simone Scienza il 14/01/2012 14:01
    un quore sgrammaticato dai pestoni ricevuti, talmente tanto d'aver perso l'identità del suo sentimento... ma comunque in grado di donare se stesso.

    Molto bella complimenti davvero.
  • - Giama - il 13/01/2012 18:06
    Accidenti! Quando leggo le tue poesie emergono immediate le immagini; ecco quella di questa poesia:
    mani congiunte e protese in avanti, sorreggono e offrono questo cuore che pulsa (lo vedo rigonfio, non so il perchè; dalle mani scendono gocce di sangue...
    questo è ciò che sento!
    E quando sento, trattengo ciò che sento...
    Complimenti, bravo sempre!
    Gia
  • stella luce il 12/01/2012 22:40
    il cuore con questa "q" è proprio sensibile e bello... anche se scritta come dici tu quando ancora avevi da imparare io la trovo molto molto bella..
  • loretta margherita citarei il 12/01/2012 19:41
    bello l'influsso catulliano dell'odio et amo, pregevolissima
  • Alessandro il 12/01/2012 18:17
    Un cuore pesto, irto di spine, all'apparenza impenetrabile... eppur si muove, come direbbe il buon Galileo. Apprezzata
  • senzamaninbicicletta il 12/01/2012 17:09
    grazie arcano apprezzo molto il tuo commento, ma questa è una poesia di diversi anni fa da allora ho imparato qualcosa.
  • A. A. il 12/01/2012 16:40
    Onestamente, amico mio. Non mi va di commentare ciò che provi.
    Alcune strofe, come la penultima, non sono per niente male.

    A mio parere, dovresti rendere l'immagine meno personale.
    Quasi come fosse raccontata da un altro.

    Un saluto

    A. A.
  • mirtylla il 12/01/2012 16:38
    Io credo invece che ci sia l'amore nel tuo cuore, manca solamente la mano giusta che accende la scintilla...
    Sempre bravo
  • Anonimo il 12/01/2012 14:08
    Una poesia così è difficile da dimenticare! Un "quore" che torna analfabeta, che si fa di nuovo ignorante, non più capace di conoscere... ma la vita chiama vita e il "quore", comunque tu lo voglia scrivere, palpita!
  • Don Pompeo Mongiello il 12/01/2012 13:11
    Un laudo per questa tua veramente bella!
  • karen tognini il 12/01/2012 11:51
    Un cuore con la Q*... bello... rafforza...

    direi bella ed originale...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0