PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Soliloquio

M'abbandono lentamente
penso sottovoce...
nella giungla misteriosa della vita
mi guardo...
vedo solo alberi giganti
e i suoi rami rivolti...
una vegetazione
fitta
mi soffoca
stringe forte la gola
mi toglie il respiro
non resisto più...
un corpo ha bisogno
d'ossigeno
[eppur non trovo]
così come
nel cielo infinito
un buio senza stelle
è solo
un buio morto...

 

5
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • ignazio de michele il 23/01/2012 17:40
    un buio morto... come lo spazio siderale che ingoia sogni e aneliti... piaciuta
  • loretta margherita citarei il 17/01/2012 17:53
    dolore e smarrimento, angoscia ed ansia, bella poesia
  • Alessandro il 17/01/2012 13:41
    Smarrimento, soffocamento, disperazione... dipingi immagini e sensazioni molti vivide. Complimenti
  • laura marchetti il 17/01/2012 12:33
    le tue introspezioni sono da brividi... sai con le parole pennellare sensazioni... stupenda
  • karen tognini il 17/01/2012 11:41
    Bellissima poesia Giuseppe.. a volte ci si sente soffocare... sono i mali del mondo...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0