PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Ah la vita! anche se

il solo modo di sopravvivere
in questa mia solitaria prigione

è proiettarmi nell'azzurro
di un pensiero positivo

ignorando la fatica della notte
a trattenere le stelle sul mare.

È saper scorgere
tra la spessa brina

la terra prepararsi
a dimenticare spazi deserti
e gli alberi sgranchire i rami.

È capire che essere in cella non conta.

La vita mi raggiunge lo stesso
e ha parole ardenti e segrete...
e nuove gemme di salice.

 

7
4 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 18/01/2012 13:19
    Una riflessione profonda che ci fa capire come siamo prigionieri di questo mondo fatto solo di pregiudizi.
  • rosanna gazzaniga il 17/01/2012 21:03
    Lirica stupenda!... Essere in cella non conta... Sentirsi nella gabbia del proprio corpo e delle abitudini, ma avere ancora la speranza di cambiare, come le gemme in primavera. Incantata!

4 commenti:

  • - Giama - il 17/01/2012 22:35
    La vita mi raggiunge lo stesso
    in questa mia solitaria prigione
    e ha parole ardenti
    nelle segrete del cuore...
    e nuove gemme di salice.

    splendida!
  • Fabio Mancini il 17/01/2012 21:33
    Credo che tu sia molto portata per la mistica. Forse dovresti leggere qualcosa a riguardo e forse troveresti la forza che ora non hai. Un bacio gentile, Fabio.
  • karen tognini il 17/01/2012 15:47
    Bellissima Loretta.. la vita sempre e comunque...
  • gina il 17/01/2012 14:19
    Come la primavera, la vita ci raggiunge inesorabile... piaciuta!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0