accedi   |   crea nuovo account

Cena di gala

Alla corte dell'impero
decaduto, decadente e semi-deceduto
i nobili fanno sobria finta baldoria,

mentre i servi cortigiani sono molto agitati
infatti alcuni piatti son serviti
mancando delle minime regole

del regale galateo.
Fuori è guerra e gelo
è terrore e amore.

Durante la cena di gala
ecco che per maledizione
un convitato, rimane strozzato.

Un biscotto di traverso
per lui non c'è più speranza.
È morto, e viene adagiato sotto la tavola..

Domani si troverà la soluzione ufficiale,
ma forse sarà tardi
il soffitto comincia a scricchiolare

in modo pericoloso, il tempo è poco
gli ospiti, si avviano verso le auto blu
mentre la notte, stranamente, è rossa.

 

2
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Anonimo il 17/01/2012 22:35
    la notte rossa e la voglia di riscatto del popolo oppresso

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0