accedi   |   crea nuovo account

Il Legno e Agni

Quel fuoco
quel fuoco d'Amore

ci tramuta
per un attimo
nella Sua essenza divina

braci
di baci

per poi lasciarci
in Cenere

ma non siamo uomini di legno

 

l'autore Vincenzo Capitanucci ha riportato queste note sull'opera

nel non soltanto di uomini di legno


4
6 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 18/01/2012 13:02
    In poche parole una verità messa a nudo.

6 commenti:

  • - Giama - il 18/01/2012 23:49
    Il dio Amore del fuoco, o meglio, il dio Fuoco d'amore ci tramuta per un istante in divinità d'amore, nel momento stesso in cui accogliamo in noi la sua essenza; ma non diverremo cenere, saremo invece braci eterne per quegli istanti divini...

    grande Vincenzo!
    ciao
    Gia
  • Hila Moon il 18/01/2012 18:52
    Non siamo di legno eppure l'amore ci accende e ci consuma... Bellissima
  • Alessandro il 18/01/2012 13:02
    Baci ardenti in un fuoco d'amore, così intensi da lasciarci in cenere. Molto efficace
  • Anonimo il 18/01/2012 12:39
    non sono portato alla poetica dell'amore, ma quando una poesia è bella lo è a prescindere dal tema e questa è proprio bella
  • Giuseppe Bellanca il 18/01/2012 12:35
    wow Vincenzo il passionario
    a parte tutto bei versi come sempre
    trovi il tuo modo di decantare l'amore
    come un bel vinello
    ciao Vincè
  • karen tognini il 18/01/2012 09:59
    Non siamo di legno... ma bruciamo d'amore...
    divina poesia Vince...
    sei unico...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0