accedi   |   crea nuovo account

A mia moglie Rosy

Da quando esisti,
anima mia?
Da tempi immemorabili
sentii nella mente
l'eco del tuo nome
e il tuo dolce sorriso
fu il bacio primordiale
d'un sogno mattutino.
Io che amo le montagne
su una bianca vetta
certo ti trovai,
il cielo ti diede splendore
e la neve purezza.
Così mi tendi le palme
e rivesti di vita
il mio arido ramo.
Se siamo vicini
il nostro cuore
canta e trema.
È una danza sublime
questa fiamma d'amore
in cui tu sei luce
ed io calore.

 

l'autore ignazio di pasquale ha riportato queste note sull'opera

Purtroppo l'ho perduta in età ancora prematura il 26 aprile 2010


1
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Hila Moon il 18/01/2012 18:57
    Una bellissima dedica... armoniosa danza d'amore!
  • Alessia Torres il 18/01/2012 16:14
    Che dolce dedica ad una donna che ami di vero sentimento e che dovrà essere fiera delle tue parole...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0