accedi   |   crea nuovo account

Poesia per l'ora di pranzo

n'er tegame cor coperchio
co' l'oio l'ajo
e cor peperoncino
d'erbetta
tritace 'n mazzetto
pe' copri' le vongole
che già c'hai messo e
- si te ce piace -
puro 'n pommidoretto

accenni er foco e fall'anna'
finché
- cor piccantino bollente -
ogni vongola nun s'apre pe morì
e quanno che poi
tutte so' schiattate
- n'er sughetto -
falle 'nsaporì

i vermicelli c'hai lessato
dar pentolone
l'hai torti crudi
e mo' né la padella
- pe du' minuti -
falli riggirà
pe' poi lassalli
'n minuto a riposa'

me raccomando
lassac'er sughetto
che quanno so' n'er piatto
t'hai da lecca' le recchie p'er diletto

 

8
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • mariateresa morry il 18/01/2012 23:00
    Molto bella e spiritosissima... quasi quasi la traduco in veneziano... con tua licenza... eppoi sta pasta coe vongoe me fa vegnir fame... bravo!!!
  • - Giama - il 18/01/2012 22:47
    Tra i preferiti, così poi sperimento la ricetta...

    grande!
    Ciaoo
  • loretta margherita citarei il 18/01/2012 20:52
    simpatica mi ricorda un sonetto di aldo fabrizzi
  • Teresa Tripodi il 18/01/2012 16:30
    che mi inviti a casa tua... non ti preoccupare son di buona forchetta...
    Molto simpatica da imparare a memoria e ricrda il sale...
  • Elisabetta Fabrini il 18/01/2012 15:31
    Ottima... ricetta e poesia!
    Ciao Ely
  • Anonimo il 18/01/2012 15:13
    M'hai fatto senti' er profumoo!! da leccasse i baffi...
  • Alessandro il 18/01/2012 14:54
    Mmmm... ajo, oio e peperoncino... piccantino bollente... ora ho una fame da paura.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0