accedi   |   crea nuovo account

Naufragio

Tra giubilo e canti, la nave salpava;
il tuo equipaggio la gloria sognava.
Pregavo che il sole la forza ti desse,
brillavano gli occhi di mille promesse.

Di fiori sbocciati
io t'incoronai.
Per giorni infiniti
il mare scrutai.

Tra banchi di nebbia ed oscuri fondali
di tutto affrontaste, dal freddo agli squali.
Finì divorata, la vostra avventura,
da zanne di roccia, di quella più dura.

Nemmeno in cent'anni
scordarti saprò.
E se sprofondasti,
per te piangerò.

Tra lapidi e tombe di scogli affilati,
sospiri di lutto per baci mai dati.
Infuria un concerto di vele strappate,
un viso riflesso nelle onde bruciate.

Emergi e ritorna!
Io t'aspetterò.
E se sprofondasti,
ti raggiungerò.

 

8
7 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • luigi granito il 21/01/2012 19:33
    È ben costruita, ha una buona ritmica. La rima e piacevole e si fa leggere volentieri. Il messaggio originale, esce dalle solite banalità che spesso annoiano la poesia.
    Continua a ad affinare il tuo dono.
  • Anonimo il 21/01/2012 17:18
    "Tra lapidi e tombe di scogli affilati,
    sospiri di lutto per baci mai dati."

    Questi versi mi sono molto cari, oltre che ben stilati. Purtroppo quelli più sensibili, spesso, sono costretti dalla vita a sospirare guardando gli altri che si baciano.
    Ottima, un caro saluto.

7 commenti:

  • mauri huis il 25/01/2012 19:06
    Ardita. Nelle rime baciate, nella metrica e nei tempi verbali. Ma ben riuscita. Piaciuta
  • Bianca Moretti il 21/01/2012 21:22
    La poesia sembra riferirsi all'affondamento del Titanic... seppure lì si trattò di iceberg. Per essere il Concordia è troppo recente... forse pensata tra 100 anni... Comunque i versi sono molto belli e musicali anche se tristi e nostalgici.
  • franco picini il 21/01/2012 17:08
    Si leggono con piacere poesie dallo stile "rimico" e musicale, che hanno qualcosa da dire, come accade nella tua circa il naufragio, non desiderato, di un amore. Elaborata e bella.
  • Anonimo il 21/01/2012 15:27
    Molto forte e stridente proprio perchè sentita. Complimenti all'autore.
  • Vincenzo Capitanucci il 21/01/2012 15:02
    scusa Alessandro... sto andando a fondo...
  • Vincenzo Capitanucci il 21/01/2012 15:02
    è il canto che doveva comporre il capitano..

    Bravo Lorenzo... ti raggiungerò dove Tu... sprofonderai...
  • Alessia Torres il 21/01/2012 15:01
    Belle ed espressive rime!
    Glorie, sogni ed infinite avventure ormai distrutti in fondo al mare...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0