PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Gernika

Fuoco, fuoco ovunque in scala di grigi.
E ti domandi il perchè, di quei volti squadrati,
di quelle urla mute, e di quel ronzino eburneo.
Lasciti distratti.
eppure emani tristezza non paura,
mentre in silenzio ti accasci
su una terra assopita.
Prima fra molte.
Moristi per l'uomo che ora allieti.
Ah Gernika fine per pochi, arte per gli altri.

 

1
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Simone il 22/01/2012 17:22
    grazie mara. sono davvero felice che ti sia piaciuta.
  • Anonimo il 21/01/2012 14:31
    Picasso non poteva esprimere la guerra, l'odio e il massacro in altro modo... Non è arte, è cronaca, bombardamento, morte... Una bella interpretazione artistica in chiave lirica, molto originale, suscita le immagini del dipinto, i "colori" e i volti tipici del suo stile. Bravo, bravo.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0