PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Nebbia in periferia

Cammino nell'umida carezza
il trucco si disfa, svanisce l'aridità
appare la menzogna
dell'anima gocciolante solitudine.

Il giorno si perde
tra lividi batticuori.
Passi ovattati
vendette sciupate
scivolano, verso la periferia del cuore;
eterno cantiere
di provvisorie occupazioni
ripropone il ciclo,
interrotti pensieri in manutenzione.

Tutto è allineato al grigio
solo un grande cartello
ben visibile
dice come prevenire infortuni
e cosa fare degli inutili rifiuti...

 

2
9 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Giacomo Scimonelli il 23/01/2012 17:04
    rimango sempre a bocca aperta dinanzi un poetare così intenso e poetico.. introspezione profonda che obbligatoriamente deve far riflettere.
  • paolo veronesi il 21/01/2012 16:32
    La Poesia è come un cantiere, ci sono versi obbligatori come calzature anti infortunistica per prevenire incidenti che possono occorrere se non si sa dove mettere i piedi nella realtà di chi scrive e occorre seguire lo scrupoloso regolamento che ogni Poesia porta in sè per fare un lavoro con Arte e Scrupolo.

9 commenti:

  • EASTON il 13/02/2012 22:25
    Vedo in questa nebbia la difficoltà a vedere in noi o vedere oltre a noi. Bella perchè ad ogni rilettura da sfaccettature diverse.
  • Grazia Denaro il 06/02/2012 21:50
    Poesia introspettiva e profonda che porta a riflettere sulle varie problematiche che può presentare l'animo umano. Brava!
  • augusta il 01/02/2012 18:29
    come sempre.. grande e bravissima la chiusa è meravigliosa
  • Anonimo il 24/01/2012 20:14
    grande lirica, metafore ben scritte da una penna valente di abile poetessa... poetessa un abbraccio e complimenti
  • Ugo Mastrogiovanni il 24/01/2012 10:05
    Una vellutata poesia che, dalla carezza iniziale, supera menzogne, solitudine, batticuori, che incominciano e finiscono nella fucina del cuore. E mi fermerei su quel "batticuori", perché tutta la poesia è raffinatamente adagiata su cuscini di velata inquietudine.
  • Salvatore Maucieri il 21/01/2012 21:37
    Questa tua opera è ottimamente stilata e mi ha fatto molto riflettere. Brava Rosanna. Ciaooooooo
  • rosanna gazzaniga il 21/01/2012 20:26
    Grazie Nico e Paolo per il vostro apprezzamento!
  • Anonimo il 21/01/2012 17:01
    metafore di una città piena di cantieri pronti a "raddrizzare" la vita e i suoi percorsi. Ma la poesia è il capolavoro del cuore e della vita. Questa è arte pura.
  • Anonimo il 21/01/2012 17:00
    il cuore e la poesia che narra passa attraverso il mondo e le sue rovine, bellissima

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0

- Il video di quest'opera -