PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Ricordando Giancarlo Bigazzi

Lo sai, Dio,
ho incorniciato quel velo di notte,
in cui di rivelarmi decidesti
che le parole hanno ali per volare;
compresi
in quel momento per mille momenti,
che poesia e musica
furono cesellate per amarsi
come due sorsi di fiumi
che si presentano sul palco del mondo
intimiditi e deboli
e poi rubano alle montagne
il segreto della loro indomita
basaltica, solitaria forza;
ora puoi dirmelo,
fosti tu a parlare
a quella penna frusciante di tenerezza
perchè trovasse nelle mie dita
la forza di diventare grembo di testi
per vestire scie di sonorità
compiute ma incomplete;
ogni verso
era un amico a cui offrire da bere
il nettare di un'anima
che impara a vivere
scrivendo o suonando
a frantumare i pugni accecanti del tempo;
avrei voluto disporre ancora
di qualche passo sicuro e amorevole
per potermi flettere riverente
a quei lungomari o a quelle vette
che, pur ignari
mi disegnarono nuvole di nuove ispirazioni.
Raf, Tozzi, Masini,
Del Turco, Ranieri
lasciai l'impronta del mio cuore gravido
sui vostri suoni ospitali;
la musica, amici,
è una botte che trabocca di vino d'annata,
e rotola per pendii di anime inquiete
senza mai infrangersi
nè provare a dileguarsi;
è l'infuocato scintillare
discreto o spavaldo
di note color amarezza e speranza
che sposano ugole ansimanti
desiderose di eternare
nel vortice etereo di una voce
il segreto inconfondibile del canto.
Ora vivrò
in quei fogli fratelli
che non mi hanno mai pugnalato
con la lacerazione dell'abbandono,
che a me si offrirono
bianchi di candore vergine,
per ricevere linfa di tentata poesia,
il mio senso,
abbracciato per sempre al loro;
Bigazzi mi chiamavo e chiamo
ed ebbi missione d'autore
per cercare di far navigare il mondo
in un mare migliore.

 

2
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • cristiano comelli il 22/01/2012 19:22
    Grazie, Vincenzo, per la tua consueta, squisita sensibilità, Bigazzi un omaggio lo meritava, ha dato moltissimo alla musica e ne ha giustamente ricevuto lusinghieri consensi. Del resto, quando si è bravi... Ciao.
  • Vincenzo Capitanucci il 22/01/2012 17:22
    Si può dare di più... ma.. gli uomini non cambiano...

    Bellissima dedica... Cristiano... bravissimo Paroliere...

    a me si offrirono
    bianchi di candore vergine,
    per ricevere linfa di tentata poesia...

    ... ebbi missione d'autore
    per cercare di far navigare il mondo
    in un mare migliore...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0