PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il freddo inverno dell'anima mia

Mi ritrovo ad errare in un sentiero desolato,
senza precisa meta
trascorrono i giorni della vita mia,
rincorro sogni e speranze future.

Il freddo inverno dello scoraggiamento
entra nelle ossa,
ferma il respiro,
paralizza i muscoli.

L'impotenza di fermare il fato
mi fa sentire un piccolo granello
in balia di venti aridi del deserto.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Ivano Boceda il 23/03/2012 15:43
    Nonostante che le immagini dello "sconforto" siano molto usuali ("errare in un sentiero desolato", "freddo inverno dello scoraggiamento", etc.) o, forse, proprio per quello, i versi colpiscono il lettore provocando immedesimazione e solidarietà. È un testo ben costruito per comunicare il senso di impotenza rispetto la precarietà della vita e la sua sostanziale indifferenza per i mostri "sforzi" di essere felici.

10 commenti:

  • silvana capelli il 05/02/2012 19:55
    forza Federica, sei giovane! affronta la vita con coraggio e saggezza, diventerai forte con i piedi molto saldi per terra, i venti del deserto non ti abbatteranno, forza e fiducia.
    Parlo per esperienza di vita. la tua poesia è molto bella!! brava.
  • Alessandro il 23/01/2012 14:07
    Illusioni e fragilità umane. Davvero ben scritta.
  • stella luce il 22/01/2012 22:17
    molto sentita soprattutto adesso... davvero bella
  • cris il 22/01/2012 17:46
    mi fa sentire un piccolo granello... piena di umiltà brava, molto bella
  • loretta margherita citarei il 22/01/2012 16:16
    tornerà il sole e leggero sarà il passo, molto apprezzata
  • Salvatore Maucieri il 22/01/2012 13:48
    Opera ottimamente composta. Molto piaciuta. Ciaoooooo
  • Anonimo il 22/01/2012 13:07
    "Vedere un mondo in un granello si sabbia e un cielo in un fiore selvativo. Tenere l'infinito nel palmo della mano e l'eternità in un ora" di w. Blake - Leggerla mi aiuta sempre a ricordare che il fato, il destino sono solo espressioni di debolezza dove spesso ci nascondiamo e ci giustifichiamo. Ogni fase della nostra vita è utile esperienza e se osservata con occhi che desiderano vedere... si troverà il Senso della vita.
    Coraggio Federica... tutto si trasforma!
  • Nicola Lo Conte il 22/01/2012 12:41
    Tutti abbiamo vissuto esperienze di questo tipo... ma, credimi, per fortuna, dopo il buio, torna sempre il mattino, con la luce e i suoi colori...
  • senzamaninbicicletta il 22/01/2012 11:49
    ottima espressione, bravissima
  • Elisabetta Fabrini il 22/01/2012 11:37
    Conosco bene questa sensazione, ma continuo a sperare in un raggio di sole..
    Bellissima poesia!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0