accedi   |   crea nuovo account

Annàa pè Màa

Cùn l'aègua in tà gùua
e, u coèu scciuppòu da puìa
bellu Segnùu couscì càau
giìte de sàa
ammìa, i goùssi che me giìan de soùvia
coss'oriàa dìi
se gò e muèin frèide e
coùme sinsaè nèscie in sciè na stìssa de bitìru
suelòtti e moùrmuèe giàsciàn i me pèe
a tòcchi
càau Segnù, dàmme na màn
l'è stèetu quela belìna coù a cruvàata e u cappèlu giàncu
p'èn pòdemùssa
caccìme na sàgua, fanni fìitu
n'orièe arrivàa tardi stasèia
se balla
e scì che sùn vèegiu e ammarouttìu ma
nùn moullàme qi, sciù
ghè u Tilio e i palamiti che m'aspèetàn
a Savùnna

 

2
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Anonimo il 23/01/2012 00:11
    bellissima... !!!
    "caccìme na sàgua, fanni fìitu
    n'orièe arrivàa tardi stasèia
    se balla..."
    ... senza parole_____________________
  • ignazio de michele il 22/01/2012 12:42
    Andare per Mare
    Con l'acqua in gola
    e, il cuore scoppiato dalla paura
    bello Signore così caro
    girati da questa parte
    guarda, le barche che mi girano sopra
    cosa vorrà dire
    se ho le mani fredde e
    come zanzare impazzite su una goccia di burro
    suelotti e mormore masticano i miei piedi
    a pezzi
    Signore caro, dammi una mano
    è stato quel cazzone con la cravatta e il cappello bianco
    per un po' di gnocca
    buttami una sagola, fai presto
    non vorrei arrivare tardi, stasera
    si balla
    sì che son vecchio e malandato ma
    non mollarmi qui, dài
    c'è Attilio e i palamiti che mi aspettano
    a Savona

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0